fbfb2

La borsa in tempo reale


Le quotazioni Forex sono offerte da Investing.com Italia.
 
Gli Indici di Borsa Mondiali in tempo reale sono offerti da Investing.com Italia.

Previsioni meteo per domani

Notizie dalla città

MALTEMPO, CANTINE E GARAGE ALLAGATE NEL MODENESE

Avvio di settimana decisamente sfortunato per Modena città e la montagna. Il maltempo ha salutato questo lunedì mattina con abbondanti rovesci che sono perdurati fino alle ore 10 causando parecchi disagi agli automobilisti impegnati a recarsi sul posto di lavoro. A soffrire particolarmente sono stati non solo garage, seminterrati, scantinati allagati, ma anche rami e alberi che hanno ceduto alla violenza delle precipitazioni. Decine di chiamate per i Vigili del Fuoco: all’interno del capoluogo, gli operatori sono dovuti intervenire in stradello Sala, a poca distanza dal ponte di Sant’Ambrogio, per una pianta caduta sulla strada, fortunatamente, senza conseguenze per passanti o automobilisti. Situazione più difficile in provincia: a Pavullo, in via Marchiani, sempre i Vigili del Fuoco sono stati contattati dai cittadini per diversi scantinati invasi dall’acqua. Sempre a Pavullo, la protezione civile locale è dovuta intervenire con una pompa idraulica per liberare il parcheggio sotterraneo del cinema. Disagi e piante cadute sulla pubblica via sono state segnalate anche a Vignola, Sassuolo e Solignano di Castelvetro, in particolare lungo via Statale verso Pozza di Maranello.


CENTRO STORICO, 23ENNE SCIPPATA IN VIA SAN PIETRO

Era appena uscita di casa quando è stata avvicinata da un giovane in bicicletta che le ha strappato di mano la borsetta per poi darsi alla fuga. Questa la dinamica dello scippo avvenuto ieri sera in via San Pietro su cui la squadra volante della polizia di stato ha avviato le indagini del caso. Gli agenti sono stati avvertiti dalla telefonata al 113 da parte di un cittadino che aveva udito urla e richiesta di aiuto provenire dalla strada. Intervenuta sul posto, la volante ha trovato la giovane vittima, una 23enne modenese, che ha spiegato agli agenti di essere stata derubata da un giovane nordafricano in sella a una bicicletta scura. Il malvivente è riuscito a fuggire in direzione piazza Grande: un Iphone 5 e 800 euro in contanti il bottino. Indaga la Questura di Modena: la speranza è quella di ottenere indizi utili ai fini delle indagini da testimoni oculari o da eventuali filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza comunale.


NUBIFRAGIO IN CAMPAGNA: COLPA DELLA NON MANUTENZIONE

E a essere colpita da questa ondata di maltempo è stata anche la campagna modenese in stradello Sala, con numerosi alberi caduti che hanno provocato non pochi disagi.no scenario pericoloso che ha evitato per poco di diventare tragedia quello che si è presentato questa mattina in stradello Sala ai vigili del fuoco. La furia del temporale di questa mattina in questa zona di campagna ha infatti trascinato con sé numerosi rami e in alcuni casi addirittura alberi. Uno finito direttamente su un' automobile e un altro che nella caduta ha trascinato con sé i cavi dell' alta tensione richiedendo l' immediato intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici hera per mettere in sicurezza l' area. Una nuova ondata di danni insomma a cui però i residenti della zona danno una motivazione diversa dal maltempo


LADRI DI CAMPAGNA: CIA CHIEDE PIU' DENUNCE CONTROLLI

Continua l'allarme nelle nostre campagne.
Cisterne di gasolio prosciugate, mezzi agricoli trafugati, frutta e verdura rubata direttamente nei campi, magari in casse già pronte per essere commercializzate dagli agricoltori. Sono episodi purtroppo consueti con cui i produttori hanno a che fare troppo spesso e che talvolta hanno risvolti incresciosi: oltre al danno economico, il timore di essere sempre nel mirino di ladri condiziona la vita di chi vive in aziende isolate e lontane dai centri abitati.
“molti agricoltori ci segnalano la recrudescenza dei malviventi che non sono per nulla intimoriti anche quando vengono colti sul fatto – dice Cristiano Fini, presidente della Cia di Modena – infatti un agricoltore mi ha segnalato che ha ricevuto ‘visite’ nel cortile da malviventi intenzionati a rubare gasolio e che sorpresi a prosciugare la cisterna hanno intimorito il proprietario invece di darsi alla fuga.
Questi episodi sono sempre più frequenti – commenta ancora Fini – e si va da frutta e verdura ancora in campo, fino alla razzia di mezzi meccanici e fitofarmaci dal valore di migliaia di euro. Consigliamo quindi ai produttori di denunciare sempre questi spiacevoli episodi” .
La Cia infine invita le forze dell’ordine a mantenere monitorate le aree rurali, sempre più bersagliate da bande pericolose di malfattori “che rischiano – conclude Fini – di mettere a repentaglio anche la sicurezza di chi spesso abita in aree isolate”.


SASSUOLO: 1,2 MILIONI DI MULTE PER LE CASSE DEL COMUNE

In tempo di crisi, ormai il miglior investimento per i comuni più o meno in bolletta (decisamente in bolletta, come è il caso di Sassuolo) è quello che gli strumenti che rilevano le infrazioni stradali: dunque, autovelox e telecamera nelle zone a traffico limitate. Il comune di Sassuolo, ad esempio, da un riconteggio delle multe appioppate agli automobilisti di passaggio, ricaverà oltre 1 milione e 200 mila euro nei soli primi sei mesi del 2014, cifra che figura già nel bilancio di previsione dell'amministrazione comunale, per un totale di quasi 5 mila contravvenzioni. Del resto, se si tratta di infrazioni dimostrabili con foto e riprese-video, per gli automobilisti c'è ben poco da recriminare e protestare: anche se, a dire il vero, dal 3 dicembre 2013 -giorno di inizio dei controlli elettronici agli ingressi di Sassuolo- molte delle multe comminate sono state cancellate dal giudice di pace, che si è dimostrato magnanimo nei confronti della poca abitudine degli automobilisti con le nuove regole e i nuovi orari e con i permessi non ancora registrati (in particolare per le auto dotate di tessera per i portatori di handicap). Poi, però, superato il periodo di prova: non ci sono più santi (nè giudici di pace che tengano). Naturalmente anche su questa vicenda delle multe, non mancano battibecchi tra la nuova giunta e la vecchia giunta, ma al di là di queste baruffe politiche di cortile, urge tutelare i diritti degli automobilisti e, al tempo stesso, far rispettare loro i doveri e le regole del codice della strada. Cercando, cosi, di dare una risposta positiva al dubbio che in tanti, troppi, ormai hanno, a Sassuolo e ovunque: ma le multe servono per educare o solo per far cassa?


MALTEMPO, CANTINE E GARAGE ALLAGATE NEL MODENESE

Avvio di settimana decisamente sfortunato per Modena città e la montagna. Il maltempo ha salutato questo lunedì mattina con abbondanti rovesci che sono perdurati fino alle ore 10 causando parecchi disagi agli automobilisti impegnati a recarsi sul posto di lavoro. A soffrire particolarmente sono stati non solo garage, seminterrati, scantinati allagati, ma anche rami e alberi che hanno ceduto alla violenza delle precipitazioni. Decine di chiamate per i Vigili del Fuoco: all’interno del capoluogo, gli operatori sono dovuti intervenire in stradello Sala, a poca distanza dal ponte di Sant’Ambrogio, per una pianta caduta sulla strada, fortunatamente, senza conseguenze per passanti o automobilisti. Situazione più difficile in provincia: a Pavullo, in via Marchiani, sempre i Vigili del Fuoco sono stati contattati dai cittadini per diversi scantinati invasi dall’acqua. Sempre a Pavullo, la protezione civile locale è dovuta intervenire con una pompa idraulica per liberare il parcheggio sotterraneo del cinema. Disagi e piante cadute sulla pubblica via sono state segnalate anche a Vignola, Sassuolo e Solignano di Castelvetro, in particolare lungo via Statale verso Pozza di Maranello.


CENTRO STORICO, 23ENNE SCIPPATA IN VIA SAN PIETRO

Era appena uscita di casa quando è stata avvicinata da un giovane in bicicletta che le ha strappato di mano la borsetta per poi darsi alla fuga. Questa la dinamica dello scippo avvenuto ieri sera in via San Pietro su cui la squadra volante della polizia di stato ha avviato le indagini del caso. Gli agenti sono stati avvertiti dalla telefonata al 113 da parte di un cittadino che aveva udito urla e richiesta di aiuto provenire dalla strada. Intervenuta sul posto, la volante ha trovato la giovane vittima, una 23enne modenese, che ha spiegato agli agenti di essere stata derubata da un giovane nordafricano in sella a una bicicletta scura. Il malvivente è riuscito a fuggire in direzione piazza Grande: un Iphone 5 e 800 euro in contanti il bottino. Indaga la Questura di Modena: la speranza è quella di ottenere indizi utili ai fini delle indagini da testimoni oculari o da eventuali filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza comunale.


NUBIFRAGIO IN CAMPAGNA: COLPA DELLA NON MANUTENZIONE

E a essere colpita da questa ondata di maltempo è stata anche la campagna modenese in stradello Sala, con numerosi alberi caduti che hanno provocato non pochi disagi.no scenario pericoloso che ha evitato per poco di diventare tragedia quello che si è presentato questa mattina in stradello Sala ai vigili del fuoco. La furia del temporale di questa mattina in questa zona di campagna ha infatti trascinato con sé numerosi rami e in alcuni casi addirittura alberi. Uno finito direttamente su un' automobile e un altro che nella caduta ha trascinato con sé i cavi dell' alta tensione richiedendo l' immediato intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici hera per mettere in sicurezza l' area. Una nuova ondata di danni insomma a cui però i residenti della zona danno una motivazione diversa dal maltempo


LADRI DI CAMPAGNA: CIA CHIEDE PIU' DENUNCE CONTROLLI

Continua l'allarme nelle nostre campagne.
Cisterne di gasolio prosciugate, mezzi agricoli trafugati, frutta e verdura rubata direttamente nei campi, magari in casse già pronte per essere commercializzate dagli agricoltori. Sono episodi purtroppo consueti con cui i produttori hanno a che fare troppo spesso e che talvolta hanno risvolti incresciosi: oltre al danno economico, il timore di essere sempre nel mirino di ladri condiziona la vita di chi vive in aziende isolate e lontane dai centri abitati.
“molti agricoltori ci segnalano la recrudescenza dei malviventi che non sono per nulla intimoriti anche quando vengono colti sul fatto – dice Cristiano Fini, presidente della Cia di Modena – infatti un agricoltore mi ha segnalato che ha ricevuto ‘visite’ nel cortile da malviventi intenzionati a rubare gasolio e che sorpresi a prosciugare la cisterna hanno intimorito il proprietario invece di darsi alla fuga.
Questi episodi sono sempre più frequenti – commenta ancora Fini – e si va da frutta e verdura ancora in campo, fino alla razzia di mezzi meccanici e fitofarmaci dal valore di migliaia di euro. Consigliamo quindi ai produttori di denunciare sempre questi spiacevoli episodi” .
La Cia infine invita le forze dell’ordine a mantenere monitorate le aree rurali, sempre più bersagliate da bande pericolose di malfattori “che rischiano – conclude Fini – di mettere a repentaglio anche la sicurezza di chi spesso abita in aree isolate”.


SASSUOLO: 1,2 MILIONI DI MULTE PER LE CASSE DEL COMUNE

In tempo di crisi, ormai il miglior investimento per i comuni più o meno in bolletta (decisamente in bolletta, come è il caso di Sassuolo) è quello che gli strumenti che rilevano le infrazioni stradali: dunque, autovelox e telecamera nelle zone a traffico limitate. Il comune di Sassuolo, ad esempio, da un riconteggio delle multe appioppate agli automobilisti di passaggio, ricaverà oltre 1 milione e 200 mila euro nei soli primi sei mesi del 2014, cifra che figura già nel bilancio di previsione dell'amministrazione comunale, per un totale di quasi 5 mila contravvenzioni. Del resto, se si tratta di infrazioni dimostrabili con foto e riprese-video, per gli automobilisti c'è ben poco da recriminare e protestare: anche se, a dire il vero, dal 3 dicembre 2013 -giorno di inizio dei controlli elettronici agli ingressi di Sassuolo- molte delle multe comminate sono state cancellate dal giudice di pace, che si è dimostrato magnanimo nei confronti della poca abitudine degli automobilisti con le nuove regole e i nuovi orari e con i permessi non ancora registrati (in particolare per le auto dotate di tessera per i portatori di handicap). Poi, però, superato il periodo di prova: non ci sono più santi (nè giudici di pace che tengano). Naturalmente anche su questa vicenda delle multe, non mancano battibecchi tra la nuova giunta e la vecchia giunta, ma al di là di queste baruffe politiche di cortile, urge tutelare i diritti degli automobilisti e, al tempo stesso, far rispettare loro i doveri e le regole del codice della strada. Cercando, cosi, di dare una risposta positiva al dubbio che in tanti, troppi, ormai hanno, a Sassuolo e ovunque: ma le multe servono per educare o solo per far cassa?


MALTEMPO, CANTINE E GARAGE ALLAGATE NEL MODENESE

Avvio di settimana decisamente sfortunato per Modena città e la montagna. Il maltempo ha salutato questo lunedì mattina con abbondanti rovesci che sono perdurati fino alle ore 10 causando parecchi disagi agli automobilisti impegnati a recarsi sul posto di lavoro. A soffrire particolarmente sono stati non solo garage, seminterrati, scantinati allagati, ma anche rami e alberi che hanno ceduto alla violenza delle precipitazioni. Decine di chiamate per i Vigili del Fuoco: all’interno del capoluogo, gli operatori sono dovuti intervenire in stradello Sala, a poca distanza dal ponte di Sant’Ambrogio, per una pianta caduta sulla strada, fortunatamente, senza conseguenze per passanti o automobilisti. Situazione più difficile in provincia: a Pavullo, in via Marchiani, sempre i Vigili del Fuoco sono stati contattati dai cittadini per diversi scantinati invasi dall’acqua. Sempre a Pavullo, la protezione civile locale è dovuta intervenire con una pompa idraulica per liberare il parcheggio sotterraneo del cinema. Disagi e piante cadute sulla pubblica via sono state segnalate anche a Vignola, Sassuolo e Solignano di Castelvetro, in particolare lungo via Statale verso Pozza di Maranello.


CENTRO STORICO, 23ENNE SCIPPATA IN VIA SAN PIETRO

Era appena uscita di casa quando è stata avvicinata da un giovane in bicicletta che le ha strappato di mano la borsetta per poi darsi alla fuga. Questa la dinamica dello scippo avvenuto ieri sera in via San Pietro su cui la squadra volante della polizia di stato ha avviato le indagini del caso. Gli agenti sono stati avvertiti dalla telefonata al 113 da parte di un cittadino che aveva udito urla e richiesta di aiuto provenire dalla strada. Intervenuta sul posto, la volante ha trovato la giovane vittima, una 23enne modenese, che ha spiegato agli agenti di essere stata derubata da un giovane nordafricano in sella a una bicicletta scura. Il malvivente è riuscito a fuggire in direzione piazza Grande: un Iphone 5 e 800 euro in contanti il bottino. Indaga la Questura di Modena: la speranza è quella di ottenere indizi utili ai fini delle indagini da testimoni oculari o da eventuali filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza comunale.


NUBIFRAGIO IN CAMPAGNA: COLPA DELLA NON MANUTENZIONE

E a essere colpita da questa ondata di maltempo è stata anche la campagna modenese in stradello Sala, con numerosi alberi caduti che hanno provocato non pochi disagi.no scenario pericoloso che ha evitato per poco di diventare tragedia quello che si è presentato questa mattina in stradello Sala ai vigili del fuoco. La furia del temporale di questa mattina in questa zona di campagna ha infatti trascinato con sé numerosi rami e in alcuni casi addirittura alberi. Uno finito direttamente su un' automobile e un altro che nella caduta ha trascinato con sé i cavi dell' alta tensione richiedendo l' immediato intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici hera per mettere in sicurezza l' area. Una nuova ondata di danni insomma a cui però i residenti della zona danno una motivazione diversa dal maltempo


LADRI DI CAMPAGNA: CIA CHIEDE PIU' DENUNCE CONTROLLI

Continua l'allarme nelle nostre campagne.
Cisterne di gasolio prosciugate, mezzi agricoli trafugati, frutta e verdura rubata direttamente nei campi, magari in casse già pronte per essere commercializzate dagli agricoltori. Sono episodi purtroppo consueti con cui i produttori hanno a che fare troppo spesso e che talvolta hanno risvolti incresciosi: oltre al danno economico, il timore di essere sempre nel mirino di ladri condiziona la vita di chi vive in aziende isolate e lontane dai centri abitati.
“molti agricoltori ci segnalano la recrudescenza dei malviventi che non sono per nulla intimoriti anche quando vengono colti sul fatto – dice Cristiano Fini, presidente della Cia di Modena – infatti un agricoltore mi ha segnalato che ha ricevuto ‘visite’ nel cortile da malviventi intenzionati a rubare gasolio e che sorpresi a prosciugare la cisterna hanno intimorito il proprietario invece di darsi alla fuga.
Questi episodi sono sempre più frequenti – commenta ancora Fini – e si va da frutta e verdura ancora in campo, fino alla razzia di mezzi meccanici e fitofarmaci dal valore di migliaia di euro. Consigliamo quindi ai produttori di denunciare sempre questi spiacevoli episodi” .
La Cia infine invita le forze dell’ordine a mantenere monitorate le aree rurali, sempre più bersagliate da bande pericolose di malfattori “che rischiano – conclude Fini – di mettere a repentaglio anche la sicurezza di chi spesso abita in aree isolate”.


SASSUOLO: 1,2 MILIONI DI MULTE PER LE CASSE DEL COMUNE

In tempo di crisi, ormai il miglior investimento per i comuni più o meno in bolletta (decisamente in bolletta, come è il caso di Sassuolo) è quello che gli strumenti che rilevano le infrazioni stradali: dunque, autovelox e telecamera nelle zone a traffico limitate. Il comune di Sassuolo, ad esempio, da un riconteggio delle multe appioppate agli automobilisti di passaggio, ricaverà oltre 1 milione e 200 mila euro nei soli primi sei mesi del 2014, cifra che figura già nel bilancio di previsione dell'amministrazione comunale, per un totale di quasi 5 mila contravvenzioni. Del resto, se si tratta di infrazioni dimostrabili con foto e riprese-video, per gli automobilisti c'è ben poco da recriminare e protestare: anche se, a dire il vero, dal 3 dicembre 2013 -giorno di inizio dei controlli elettronici agli ingressi di Sassuolo- molte delle multe comminate sono state cancellate dal giudice di pace, che si è dimostrato magnanimo nei confronti della poca abitudine degli automobilisti con le nuove regole e i nuovi orari e con i permessi non ancora registrati (in particolare per le auto dotate di tessera per i portatori di handicap). Poi, però, superato il periodo di prova: non ci sono più santi (nè giudici di pace che tengano). Naturalmente anche su questa vicenda delle multe, non mancano battibecchi tra la nuova giunta e la vecchia giunta, ma al di là di queste baruffe politiche di cortile, urge tutelare i diritti degli automobilisti e, al tempo stesso, far rispettare loro i doveri e le regole del codice della strada. Cercando, cosi, di dare una risposta positiva al dubbio che in tanti, troppi, ormai hanno, a Sassuolo e ovunque: ma le multe servono per educare o solo per far cassa?


MALTEMPO, CANTINE E GARAGE ALLAGATE NEL MODENESE

Avvio di settimana decisamente sfortunato per Modena città e la montagna. Il maltempo ha salutato questo lunedì mattina con abbondanti rovesci che sono perdurati fino alle ore 10 causando parecchi disagi agli automobilisti impegnati a recarsi sul posto di lavoro. A soffrire particolarmente sono stati non solo garage, seminterrati, scantinati allagati, ma anche rami e alberi che hanno ceduto alla violenza delle precipitazioni. Decine di chiamate per i Vigili del Fuoco: all’interno del capoluogo, gli operatori sono dovuti intervenire in stradello Sala, a poca distanza dal ponte di Sant’Ambrogio, per una pianta caduta sulla strada, fortunatamente, senza conseguenze per passanti o automobilisti. Situazione più difficile in provincia: a Pavullo, in via Marchiani, sempre i Vigili del Fuoco sono stati contattati dai cittadini per diversi scantinati invasi dall’acqua. Sempre a Pavullo, la protezione civile locale è dovuta intervenire con una pompa idraulica per liberare il parcheggio sotterraneo del cinema. Disagi e piante cadute sulla pubblica via sono state segnalate anche a Vignola, Sassuolo e Solignano di Castelvetro, in particolare lungo via Statale verso Pozza di Maranello.


CENTRO STORICO, 23ENNE SCIPPATA IN VIA SAN PIETRO

Era appena uscita di casa quando è stata avvicinata da un giovane in bicicletta che le ha strappato di mano la borsetta per poi darsi alla fuga. Questa la dinamica dello scippo avvenuto ieri sera in via San Pietro su cui la squadra volante della polizia di stato ha avviato le indagini del caso. Gli agenti sono stati avvertiti dalla telefonata al 113 da parte di un cittadino che aveva udito urla e richiesta di aiuto provenire dalla strada. Intervenuta sul posto, la volante ha trovato la giovane vittima, una 23enne modenese, che ha spiegato agli agenti di essere stata derubata da un giovane nordafricano in sella a una bicicletta scura. Il malvivente è riuscito a fuggire in direzione piazza Grande: un Iphone 5 e 800 euro in contanti il bottino. Indaga la Questura di Modena: la speranza è quella di ottenere indizi utili ai fini delle indagini da testimoni oculari o da eventuali filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza comunale.


NUBIFRAGIO IN CAMPAGNA: COLPA DELLA NON MANUTENZIONE

E a essere colpita da questa ondata di maltempo è stata anche la campagna modenese in stradello Sala, con numerosi alberi caduti che hanno provocato non pochi disagi.no scenario pericoloso che ha evitato per poco di diventare tragedia quello che si è presentato questa mattina in stradello Sala ai vigili del fuoco. La furia del temporale di questa mattina in questa zona di campagna ha infatti trascinato con sé numerosi rami e in alcuni casi addirittura alberi. Uno finito direttamente su un' automobile e un altro che nella caduta ha trascinato con sé i cavi dell' alta tensione richiedendo l' immediato intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici hera per mettere in sicurezza l' area. Una nuova ondata di danni insomma a cui però i residenti della zona danno una motivazione diversa dal maltempo


LADRI DI CAMPAGNA: CIA CHIEDE PIU' DENUNCE CONTROLLI

Continua l'allarme nelle nostre campagne.
Cisterne di gasolio prosciugate, mezzi agricoli trafugati, frutta e verdura rubata direttamente nei campi, magari in casse già pronte per essere commercializzate dagli agricoltori. Sono episodi purtroppo consueti con cui i produttori hanno a che fare troppo spesso e che talvolta hanno risvolti incresciosi: oltre al danno economico, il timore di essere sempre nel mirino di ladri condiziona la vita di chi vive in aziende isolate e lontane dai centri abitati.
“molti agricoltori ci segnalano la recrudescenza dei malviventi che non sono per nulla intimoriti anche quando vengono colti sul fatto – dice Cristiano Fini, presidente della Cia di Modena – infatti un agricoltore mi ha segnalato che ha ricevuto ‘visite’ nel cortile da malviventi intenzionati a rubare gasolio e che sorpresi a prosciugare la cisterna hanno intimorito il proprietario invece di darsi alla fuga.
Questi episodi sono sempre più frequenti – commenta ancora Fini – e si va da frutta e verdura ancora in campo, fino alla razzia di mezzi meccanici e fitofarmaci dal valore di migliaia di euro. Consigliamo quindi ai produttori di denunciare sempre questi spiacevoli episodi” .
La Cia infine invita le forze dell’ordine a mantenere monitorate le aree rurali, sempre più bersagliate da bande pericolose di malfattori “che rischiano – conclude Fini – di mettere a repentaglio anche la sicurezza di chi spesso abita in aree isolate”.


SASSUOLO: 1,2 MILIONI DI MULTE PER LE CASSE DEL COMUNE

In tempo di crisi, ormai il miglior investimento per i comuni più o meno in bolletta (decisamente in bolletta, come è il caso di Sassuolo) è quello che gli strumenti che rilevano le infrazioni stradali: dunque, autovelox e telecamera nelle zone a traffico limitate. Il comune di Sassuolo, ad esempio, da un riconteggio delle multe appioppate agli automobilisti di passaggio, ricaverà oltre 1 milione e 200 mila euro nei soli primi sei mesi del 2014, cifra che figura già nel bilancio di previsione dell'amministrazione comunale, per un totale di quasi 5 mila contravvenzioni. Del resto, se si tratta di infrazioni dimostrabili con foto e riprese-video, per gli automobilisti c'è ben poco da recriminare e protestare: anche se, a dire il vero, dal 3 dicembre 2013 -giorno di inizio dei controlli elettronici agli ingressi di Sassuolo- molte delle multe comminate sono state cancellate dal giudice di pace, che si è dimostrato magnanimo nei confronti della poca abitudine degli automobilisti con le nuove regole e i nuovi orari e con i permessi non ancora registrati (in particolare per le auto dotate di tessera per i portatori di handicap). Poi, però, superato il periodo di prova: non ci sono più santi (nè giudici di pace che tengano). Naturalmente anche su questa vicenda delle multe, non mancano battibecchi tra la nuova giunta e la vecchia giunta, ma al di là di queste baruffe politiche di cortile, urge tutelare i diritti degli automobilisti e, al tempo stesso, far rispettare loro i doveri e le regole del codice della strada. Cercando, cosi, di dare una risposta positiva al dubbio che in tanti, troppi, ormai hanno, a Sassuolo e ovunque: ma le multe servono per educare o solo per far cassa?


MALTEMPO, CANTINE E GARAGE ALLAGATE NEL MODENESE

Avvio di settimana decisamente sfortunato per Modena città e la montagna. Il maltempo ha salutato questo lunedì mattina con abbondanti rovesci che sono perdurati fino alle ore 10 causando parecchi disagi agli automobilisti impegnati a recarsi sul posto di lavoro. A soffrire particolarmente sono stati non solo garage, seminterrati, scantinati allagati, ma anche rami e alberi che hanno ceduto alla violenza delle precipitazioni. Decine di chiamate per i Vigili del Fuoco: all’interno del capoluogo, gli operatori sono dovuti intervenire in stradello Sala, a poca distanza dal ponte di Sant’Ambrogio, per una pianta caduta sulla strada, fortunatamente, senza conseguenze per passanti o automobilisti. Situazione più difficile in provincia: a Pavullo, in via Marchiani, sempre i Vigili del Fuoco sono stati contattati dai cittadini per diversi scantinati invasi dall’acqua. Sempre a Pavullo, la protezione civile locale è dovuta intervenire con una pompa idraulica per liberare il parcheggio sotterraneo del cinema. Disagi e piante cadute sulla pubblica via sono state segnalate anche a Vignola, Sassuolo e Solignano di Castelvetro, in particolare lungo via Statale verso Pozza di Maranello.


CENTRO STORICO, 23ENNE SCIPPATA IN VIA SAN PIETRO

Era appena uscita di casa quando è stata avvicinata da un giovane in bicicletta che le ha strappato di mano la borsetta per poi darsi alla fuga. Questa la dinamica dello scippo avvenuto ieri sera in via San Pietro su cui la squadra volante della polizia di stato ha avviato le indagini del caso. Gli agenti sono stati avvertiti dalla telefonata al 113 da parte di un cittadino che aveva udito urla e richiesta di aiuto provenire dalla strada. Intervenuta sul posto, la volante ha trovato la giovane vittima, una 23enne modenese, che ha spiegato agli agenti di essere stata derubata da un giovane nordafricano in sella a una bicicletta scura. Il malvivente è riuscito a fuggire in direzione piazza Grande: un Iphone 5 e 800 euro in contanti il bottino. Indaga la Questura di Modena: la speranza è quella di ottenere indizi utili ai fini delle indagini da testimoni oculari o da eventuali filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza comunale.


NUBIFRAGIO IN CAMPAGNA: COLPA DELLA NON MANUTENZIONE

E a essere colpita da questa ondata di maltempo è stata anche la campagna modenese in stradello Sala, con numerosi alberi caduti che hanno provocato non pochi disagi.no scenario pericoloso che ha evitato per poco di diventare tragedia quello che si è presentato questa mattina in stradello Sala ai vigili del fuoco. La furia del temporale di questa mattina in questa zona di campagna ha infatti trascinato con sé numerosi rami e in alcuni casi addirittura alberi. Uno finito direttamente su un' automobile e un altro che nella caduta ha trascinato con sé i cavi dell' alta tensione richiedendo l' immediato intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici hera per mettere in sicurezza l' area. Una nuova ondata di danni insomma a cui però i residenti della zona danno una motivazione diversa dal maltempo


LADRI DI CAMPAGNA: CIA CHIEDE PIU' DENUNCE CONTROLLI

Continua l'allarme nelle nostre campagne.
Cisterne di gasolio prosciugate, mezzi agricoli trafugati, frutta e verdura rubata direttamente nei campi, magari in casse già pronte per essere commercializzate dagli agricoltori. Sono episodi purtroppo consueti con cui i produttori hanno a che fare troppo spesso e che talvolta hanno risvolti incresciosi: oltre al danno economico, il timore di essere sempre nel mirino di ladri condiziona la vita di chi vive in aziende isolate e lontane dai centri abitati.
“molti agricoltori ci segnalano la recrudescenza dei malviventi che non sono per nulla intimoriti anche quando vengono colti sul fatto – dice Cristiano Fini, presidente della Cia di Modena – infatti un agricoltore mi ha segnalato che ha ricevuto ‘visite’ nel cortile da malviventi intenzionati a rubare gasolio e che sorpresi a prosciugare la cisterna hanno intimorito il proprietario invece di darsi alla fuga.
Questi episodi sono sempre più frequenti – commenta ancora Fini – e si va da frutta e verdura ancora in campo, fino alla razzia di mezzi meccanici e fitofarmaci dal valore di migliaia di euro. Consigliamo quindi ai produttori di denunciare sempre questi spiacevoli episodi” .
La Cia infine invita le forze dell’ordine a mantenere monitorate le aree rurali, sempre più bersagliate da bande pericolose di malfattori “che rischiano – conclude Fini – di mettere a repentaglio anche la sicurezza di chi spesso abita in aree isolate”.


SASSUOLO: 1,2 MILIONI DI MULTE PER LE CASSE DEL COMUNE

In tempo di crisi, ormai il miglior investimento per i comuni più o meno in bolletta (decisamente in bolletta, come è il caso di Sassuolo) è quello che gli strumenti che rilevano le infrazioni stradali: dunque, autovelox e telecamera nelle zone a traffico limitate. Il comune di Sassuolo, ad esempio, da un riconteggio delle multe appioppate agli automobilisti di passaggio, ricaverà oltre 1 milione e 200 mila euro nei soli primi sei mesi del 2014, cifra che figura già nel bilancio di previsione dell'amministrazione comunale, per un totale di quasi 5 mila contravvenzioni. Del resto, se si tratta di infrazioni dimostrabili con foto e riprese-video, per gli automobilisti c'è ben poco da recriminare e protestare: anche se, a dire il vero, dal 3 dicembre 2013 -giorno di inizio dei controlli elettronici agli ingressi di Sassuolo- molte delle multe comminate sono state cancellate dal giudice di pace, che si è dimostrato magnanimo nei confronti della poca abitudine degli automobilisti con le nuove regole e i nuovi orari e con i permessi non ancora registrati (in particolare per le auto dotate di tessera per i portatori di handicap). Poi, però, superato il periodo di prova: non ci sono più santi (nè giudici di pace che tengano). Naturalmente anche su questa vicenda delle multe, non mancano battibecchi tra la nuova giunta e la vecchia giunta, ma al di là di queste baruffe politiche di cortile, urge tutelare i diritti degli automobilisti e, al tempo stesso, far rispettare loro i doveri e le regole del codice della strada. Cercando, cosi, di dare una risposta positiva al dubbio che in tanti, troppi, ormai hanno, a Sassuolo e ovunque: ma le multe servono per educare o solo per far cassa?


MALTEMPO, CANTINE E GARAGE ALLAGATE NEL MODENESE

Avvio di settimana decisamente sfortunato per Modena città e la montagna. Il maltempo ha salutato questo lunedì mattina con abbondanti rovesci che sono perdurati fino alle ore 10 causando parecchi disagi agli automobilisti impegnati a recarsi sul posto di lavoro. A soffrire particolarmente sono stati non solo garage, seminterrati, scantinati allagati, ma anche rami e alberi che hanno ceduto alla violenza delle precipitazioni. Decine di chiamate per i Vigili del Fuoco: all’interno del capoluogo, gli operatori sono dovuti intervenire in stradello Sala, a poca distanza dal ponte di Sant’Ambrogio, per una pianta caduta sulla strada, fortunatamente, senza conseguenze per passanti o automobilisti. Situazione più difficile in provincia: a Pavullo, in via Marchiani, sempre i Vigili del Fuoco sono stati contattati dai cittadini per diversi scantinati invasi dall’acqua. Sempre a Pavullo, la protezione civile locale è dovuta intervenire con una pompa idraulica per liberare il parcheggio sotterraneo del cinema. Disagi e piante cadute sulla pubblica via sono state segnalate anche a Vignola, Sassuolo e Solignano di Castelvetro, in particolare lungo via Statale verso Pozza di Maranello.


CENTRO STORICO, 23ENNE SCIPPATA IN VIA SAN PIETRO

Era appena uscita di casa quando è stata avvicinata da un giovane in bicicletta che le ha strappato di mano la borsetta per poi darsi alla fuga. Questa la dinamica dello scippo avvenuto ieri sera in via San Pietro su cui la squadra volante della polizia di stato ha avviato le indagini del caso. Gli agenti sono stati avvertiti dalla telefonata al 113 da parte di un cittadino che aveva udito urla e richiesta di aiuto provenire dalla strada. Intervenuta sul posto, la volante ha trovato la giovane vittima, una 23enne modenese, che ha spiegato agli agenti di essere stata derubata da un giovane nordafricano in sella a una bicicletta scura. Il malvivente è riuscito a fuggire in direzione piazza Grande: un Iphone 5 e 800 euro in contanti il bottino. Indaga la Questura di Modena: la speranza è quella di ottenere indizi utili ai fini delle indagini da testimoni oculari o da eventuali filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza comunale.


NUBIFRAGIO IN CAMPAGNA: COLPA DELLA NON MANUTENZIONE

E a essere colpita da questa ondata di maltempo è stata anche la campagna modenese in stradello Sala, con numerosi alberi caduti che hanno provocato non pochi disagi.no scenario pericoloso che ha evitato per poco di diventare tragedia quello che si è presentato questa mattina in stradello Sala ai vigili del fuoco. La furia del temporale di questa mattina in questa zona di campagna ha infatti trascinato con sé numerosi rami e in alcuni casi addirittura alberi. Uno finito direttamente su un' automobile e un altro che nella caduta ha trascinato con sé i cavi dell' alta tensione richiedendo l' immediato intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici hera per mettere in sicurezza l' area. Una nuova ondata di danni insomma a cui però i residenti della zona danno una motivazione diversa dal maltempo


LADRI DI CAMPAGNA: CIA CHIEDE PIU' DENUNCE CONTROLLI

Continua l'allarme nelle nostre campagne.
Cisterne di gasolio prosciugate, mezzi agricoli trafugati, frutta e verdura rubata direttamente nei campi, magari in casse già pronte per essere commercializzate dagli agricoltori. Sono episodi purtroppo consueti con cui i produttori hanno a che fare troppo spesso e che talvolta hanno risvolti incresciosi: oltre al danno economico, il timore di essere sempre nel mirino di ladri condiziona la vita di chi vive in aziende isolate e lontane dai centri abitati.
“molti agricoltori ci segnalano la recrudescenza dei malviventi che non sono per nulla intimoriti anche quando vengono colti sul fatto – dice Cristiano Fini, presidente della Cia di Modena – infatti un agricoltore mi ha segnalato che ha ricevuto ‘visite’ nel cortile da malviventi intenzionati a rubare gasolio e che sorpresi a prosciugare la cisterna hanno intimorito il proprietario invece di darsi alla fuga.
Questi episodi sono sempre più frequenti – commenta ancora Fini – e si va da frutta e verdura ancora in campo, fino alla razzia di mezzi meccanici e fitofarmaci dal valore di migliaia di euro. Consigliamo quindi ai produttori di denunciare sempre questi spiacevoli episodi” .
La Cia infine invita le forze dell’ordine a mantenere monitorate le aree rurali, sempre più bersagliate da bande pericolose di malfattori “che rischiano – conclude Fini – di mettere a repentaglio anche la sicurezza di chi spesso abita in aree isolate”.


SASSUOLO: 1,2 MILIONI DI MULTE PER LE CASSE DEL COMUNE

In tempo di crisi, ormai il miglior investimento per i comuni più o meno in bolletta (decisamente in bolletta, come è il caso di Sassuolo) è quello che gli strumenti che rilevano le infrazioni stradali: dunque, autovelox e telecamera nelle zone a traffico limitate. Il comune di Sassuolo, ad esempio, da un riconteggio delle multe appioppate agli automobilisti di passaggio, ricaverà oltre 1 milione e 200 mila euro nei soli primi sei mesi del 2014, cifra che figura già nel bilancio di previsione dell'amministrazione comunale, per un totale di quasi 5 mila contravvenzioni. Del resto, se si tratta di infrazioni dimostrabili con foto e riprese-video, per gli automobilisti c'è ben poco da recriminare e protestare: anche se, a dire il vero, dal 3 dicembre 2013 -giorno di inizio dei controlli elettronici agli ingressi di Sassuolo- molte delle multe comminate sono state cancellate dal giudice di pace, che si è dimostrato magnanimo nei confronti della poca abitudine degli automobilisti con le nuove regole e i nuovi orari e con i permessi non ancora registrati (in particolare per le auto dotate di tessera per i portatori di handicap). Poi, però, superato il periodo di prova: non ci sono più santi (nè giudici di pace che tengano). Naturalmente anche su questa vicenda delle multe, non mancano battibecchi tra la nuova giunta e la vecchia giunta, ma al di là di queste baruffe politiche di cortile, urge tutelare i diritti degli automobilisti e, al tempo stesso, far rispettare loro i doveri e le regole del codice della strada. Cercando, cosi, di dare una risposta positiva al dubbio che in tanti, troppi, ormai hanno, a Sassuolo e ovunque: ma le multe servono per educare o solo per far cassa?


MALTEMPO, CANTINE E GARAGE ALLAGATE NEL MODENESE

Avvio di settimana decisamente sfortunato per Modena città e la montagna. Il maltempo ha salutato questo lunedì mattina con abbondanti rovesci che sono perdurati fino alle ore 10 causando parecchi disagi agli automobilisti impegnati a recarsi sul posto di lavoro. A soffrire particolarmente sono stati non solo garage, seminterrati, scantinati allagati, ma anche rami e alberi che hanno ceduto alla violenza delle precipitazioni. Decine di chiamate per i Vigili del Fuoco: all’interno del capoluogo, gli operatori sono dovuti intervenire in stradello Sala, a poca distanza dal ponte di Sant’Ambrogio, per una pianta caduta sulla strada, fortunatamente, senza conseguenze per passanti o automobilisti. Situazione più difficile in provincia: a Pavullo, in via Marchiani, sempre i Vigili del Fuoco sono stati contattati dai cittadini per diversi scantinati invasi dall’acqua. Sempre a Pavullo, la protezione civile locale è dovuta intervenire con una pompa idraulica per liberare il parcheggio sotterraneo del cinema. Disagi e piante cadute sulla pubblica via sono state segnalate anche a Vignola, Sassuolo e Solignano di Castelvetro, in particolare lungo via Statale verso Pozza di Maranello.


CENTRO STORICO, 23ENNE SCIPPATA IN VIA SAN PIETRO

Era appena uscita di casa quando è stata avvicinata da un giovane in bicicletta che le ha strappato di mano la borsetta per poi darsi alla fuga. Questa la dinamica dello scippo avvenuto ieri sera in via San Pietro su cui la squadra volante della polizia di stato ha avviato le indagini del caso. Gli agenti sono stati avvertiti dalla telefonata al 113 da parte di un cittadino che aveva udito urla e richiesta di aiuto provenire dalla strada. Intervenuta sul posto, la volante ha trovato la giovane vittima, una 23enne modenese, che ha spiegato agli agenti di essere stata derubata da un giovane nordafricano in sella a una bicicletta scura. Il malvivente è riuscito a fuggire in direzione piazza Grande: un Iphone 5 e 800 euro in contanti il bottino. Indaga la Questura di Modena: la speranza è quella di ottenere indizi utili ai fini delle indagini da testimoni oculari o da eventuali filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza comunale.


NUBIFRAGIO IN CAMPAGNA: COLPA DELLA NON MANUTENZIONE

E a essere colpita da questa ondata di maltempo è stata anche la campagna modenese in stradello Sala, con numerosi alberi caduti che hanno provocato non pochi disagi.no scenario pericoloso che ha evitato per poco di diventare tragedia quello che si è presentato questa mattina in stradello Sala ai vigili del fuoco. La furia del temporale di questa mattina in questa zona di campagna ha infatti trascinato con sé numerosi rami e in alcuni casi addirittura alberi. Uno finito direttamente su un' automobile e un altro che nella caduta ha trascinato con sé i cavi dell' alta tensione richiedendo l' immediato intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici hera per mettere in sicurezza l' area. Una nuova ondata di danni insomma a cui però i residenti della zona danno una motivazione diversa dal maltempo


LADRI DI CAMPAGNA: CIA CHIEDE PIU' DENUNCE CONTROLLI

Continua l'allarme nelle nostre campagne.
Cisterne di gasolio prosciugate, mezzi agricoli trafugati, frutta e verdura rubata direttamente nei campi, magari in casse già pronte per essere commercializzate dagli agricoltori. Sono episodi purtroppo consueti con cui i produttori hanno a che fare troppo spesso e che talvolta hanno risvolti incresciosi: oltre al danno economico, il timore di essere sempre nel mirino di ladri condiziona la vita di chi vive in aziende isolate e lontane dai centri abitati.
“molti agricoltori ci segnalano la recrudescenza dei malviventi che non sono per nulla intimoriti anche quando vengono colti sul fatto – dice Cristiano Fini, presidente della Cia di Modena – infatti un agricoltore mi ha segnalato che ha ricevuto ‘visite’ nel cortile da malviventi intenzionati a rubare gasolio e che sorpresi a prosciugare la cisterna hanno intimorito il proprietario invece di darsi alla fuga.
Questi episodi sono sempre più frequenti – commenta ancora Fini – e si va da frutta e verdura ancora in campo, fino alla razzia di mezzi meccanici e fitofarmaci dal valore di migliaia di euro. Consigliamo quindi ai produttori di denunciare sempre questi spiacevoli episodi” .
La Cia infine invita le forze dell’ordine a mantenere monitorate le aree rurali, sempre più bersagliate da bande pericolose di malfattori “che rischiano – conclude Fini – di mettere a repentaglio anche la sicurezza di chi spesso abita in aree isolate”.


SASSUOLO: 1,2 MILIONI DI MULTE PER LE CASSE DEL COMUNE

In tempo di crisi, ormai il miglior investimento per i comuni più o meno in bolletta (decisamente in bolletta, come è il caso di Sassuolo) è quello che gli strumenti che rilevano le infrazioni stradali: dunque, autovelox e telecamera nelle zone a traffico limitate. Il comune di Sassuolo, ad esempio, da un riconteggio delle multe appioppate agli automobilisti di passaggio, ricaverà oltre 1 milione e 200 mila euro nei soli primi sei mesi del 2014, cifra che figura già nel bilancio di previsione dell'amministrazione comunale, per un totale di quasi 5 mila contravvenzioni. Del resto, se si tratta di infrazioni dimostrabili con foto e riprese-video, per gli automobilisti c'è ben poco da recriminare e protestare: anche se, a dire il vero, dal 3 dicembre 2013 -giorno di inizio dei controlli elettronici agli ingressi di Sassuolo- molte delle multe comminate sono state cancellate dal giudice di pace, che si è dimostrato magnanimo nei confronti della poca abitudine degli automobilisti con le nuove regole e i nuovi orari e con i permessi non ancora registrati (in particolare per le auto dotate di tessera per i portatori di handicap). Poi, però, superato il periodo di prova: non ci sono più santi (nè giudici di pace che tengano). Naturalmente anche su questa vicenda delle multe, non mancano battibecchi tra la nuova giunta e la vecchia giunta, ma al di là di queste baruffe politiche di cortile, urge tutelare i diritti degli automobilisti e, al tempo stesso, far rispettare loro i doveri e le regole del codice della strada. Cercando, cosi, di dare una risposta positiva al dubbio che in tanti, troppi, ormai hanno, a Sassuolo e ovunque: ma le multe servono per educare o solo per far cassa?


MALTEMPO, CANTINE E GARAGE ALLAGATE NEL MODENESE

Avvio di settimana decisamente sfortunato per Modena città e la montagna. Il maltempo ha salutato questo lunedì mattina con abbondanti rovesci che sono perdurati fino alle ore 10 causando parecchi disagi agli automobilisti impegnati a recarsi sul posto di lavoro. A soffrire particolarmente sono stati non solo garage, seminterrati, scantinati allagati, ma anche rami e alberi che hanno ceduto alla violenza delle precipitazioni. Decine di chiamate per i Vigili del Fuoco: all’interno del capoluogo, gli operatori sono dovuti intervenire in stradello Sala, a poca distanza dal ponte di Sant’Ambrogio, per una pianta caduta sulla strada, fortunatamente, senza conseguenze per passanti o automobilisti. Situazione più difficile in provincia: a Pavullo, in via Marchiani, sempre i Vigili del Fuoco sono stati contattati dai cittadini per diversi scantinati invasi dall’acqua. Sempre a Pavullo, la protezione civile locale è dovuta intervenire con una pompa idraulica per liberare il parcheggio sotterraneo del cinema. Disagi e piante cadute sulla pubblica via sono state segnalate anche a Vignola, Sassuolo e Solignano di Castelvetro, in particolare lungo via Statale verso Pozza di Maranello.


CENTRO STORICO, 23ENNE SCIPPATA IN VIA SAN PIETRO

Era appena uscita di casa quando è stata avvicinata da un giovane in bicicletta che le ha strappato di mano la borsetta per poi darsi alla fuga. Questa la dinamica dello scippo avvenuto ieri sera in via San Pietro su cui la squadra volante della polizia di stato ha avviato le indagini del caso. Gli agenti sono stati avvertiti dalla telefonata al 113 da parte di un cittadino che aveva udito urla e richiesta di aiuto provenire dalla strada. Intervenuta sul posto, la volante ha trovato la giovane vittima, una 23enne modenese, che ha spiegato agli agenti di essere stata derubata da un giovane nordafricano in sella a una bicicletta scura. Il malvivente è riuscito a fuggire in direzione piazza Grande: un Iphone 5 e 800 euro in contanti il bottino. Indaga la Questura di Modena: la speranza è quella di ottenere indizi utili ai fini delle indagini da testimoni oculari o da eventuali filmati registrati dall’impianto di videosorveglianza comunale.


NUBIFRAGIO IN CAMPAGNA: COLPA DELLA NON MANUTENZIONE

E a essere colpita da questa ondata di maltempo è stata anche la campagna modenese in stradello Sala, con numerosi alberi caduti che hanno provocato non pochi disagi.no scenario pericoloso che ha evitato per poco di diventare tragedia quello che si è presentato questa mattina in stradello Sala ai vigili del fuoco. La furia del temporale di questa mattina in questa zona di campagna ha infatti trascinato con sé numerosi rami e in alcuni casi addirittura alberi. Uno finito direttamente su un' automobile e un altro che nella caduta ha trascinato con sé i cavi dell' alta tensione richiedendo l' immediato intervento dei vigili del fuoco e dei tecnici hera per mettere in sicurezza l' area. Una nuova ondata di danni insomma a cui però i residenti della zona danno una motivazione diversa dal maltempo


LADRI DI CAMPAGNA: CIA CHIEDE PIU' DENUNCE CONTROLLI

Continua l'allarme nelle nostre campagne.
Cisterne di gasolio prosciugate, mezzi agricoli trafugati, frutta e verdura rubata direttamente nei campi, magari in casse già pronte per essere commercializzate dagli agricoltori. Sono episodi purtroppo consueti con cui i produttori hanno a che fare troppo spesso e che talvolta hanno risvolti incresciosi: oltre al danno economico, il timore di essere sempre nel mirino di ladri condiziona la vita di chi vive in aziende isolate e lontane dai centri abitati.
“molti agricoltori ci segnalano la recrudescenza dei malviventi che non sono per nulla intimoriti anche quando vengono colti sul fatto – dice Cristiano Fini, presidente della Cia di Modena – infatti un agricoltore mi ha segnalato che ha ricevuto ‘visite’ nel cortile da malviventi intenzionati a rubare gasolio e che sorpresi a prosciugare la cisterna hanno intimorito il proprietario invece di darsi alla fuga.
Questi episodi sono sempre più frequenti – commenta ancora Fini – e si va da frutta e verdura ancora in campo, fino alla razzia di mezzi meccanici e fitofarmaci dal valore di migliaia di euro. Consigliamo quindi ai produttori di denunciare sempre questi spiacevoli episodi” .
La Cia infine invita le forze dell’ordine a mantenere monitorate le aree rurali, sempre più bersagliate da bande pericolose di malfattori “che rischiano – conclude Fini – di mettere a repentaglio anche la sicurezza di chi spesso abita in aree isolate”.


SASSUOLO: 1,2 MILIONI DI MULTE PER LE CASSE DEL COMUNE

In tempo di crisi, ormai il miglior investimento per i comuni più o meno in bolletta (decisamente in bolletta, come è il caso di Sassuolo) è quello che gli strumenti che rilevano le infrazioni stradali: dunque, autovelox e telecamera nelle zone a traffico limitate. Il comune di Sassuolo, ad esempio, da un riconteggio delle multe appioppate agli automobilisti di passaggio, ricaverà oltre 1 milione e 200 mila euro nei soli primi sei mesi del 2014, cifra che figura già nel bilancio di previsione dell'amministrazione comunale, per un totale di quasi 5 mila contravvenzioni. Del resto, se si tratta di infrazioni dimostrabili con foto e riprese-video, per gli automobilisti c'è ben poco da recriminare e protestare: anche se, a dire il vero, dal 3 dicembre 2013 -giorno di inizio dei controlli elettronici agli ingressi di Sassuolo- molte delle multe comminate sono state cancellate dal giudice di pace, che si è dimostrato magnanimo nei confronti della poca abitudine degli automobilisti con le nuove regole e i nuovi orari e con i permessi non ancora registrati (in particolare per le auto dotate di tessera per i portatori di handicap). Poi, però, superato il periodo di prova: non ci sono più santi (nè giudici di pace che tengano). Naturalmente anche su questa vicenda delle multe, non mancano battibecchi tra la nuova giunta e la vecchia giunta, ma al di là di queste baruffe politiche di cortile, urge tutelare i diritti degli automobilisti e, al tempo stesso, far rispettare loro i doveri e le regole del codice della strada. Cercando, cosi, di dare una risposta positiva al dubbio che in tanti, troppi, ormai hanno, a Sassuolo e ovunque: ma le multe servono per educare o solo per far cassa?


L'ultimo TG

L'ultimo TG sportivo

Detto e non detto

Faccia a Faccia