All’interno l’intervista all’avvocato Roberto Ricco (segretario Camera Penale di Modena)

E’ ripartita anche la giustizia, gradualmente e con tutte le misure di sicurezza necessarie. Al momento i processi penali riprendono in numero limitato e in aule con accessi contingentati per evitare il rischio di assembramenti. Solo udienze penali, a porte chiuse, con la presenza esclusiva di giudice, accusa, difesa e imputato. Verrà data poi precedenza alle cause quasi concluse senza testimoni o con imputati in custodia cautelare.

Il tribunale di Modena ha predisposto un sistema di consegna e visione documenti solo per i casi urgenti. Siccome il tribunale non ha una sua Pec, il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Modena ne ha messa una a disposizione del Tribunale per inviare di mattina le pratiche che saranno scaricate, stampate e consegnate alla cancelleria.

Dopo i procedimenti più urgenti, superata la prima fase, si cercherà un ritorno ai ritmi ordinari. Questo necessariamente porterà ad ulteriori ritardi della macchina della giustizia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui