A

veva tasche di giubbotto e pantaloni piene di droga. Tra cui otto grammi di cocaina, 100 di hashish, insieme al contante 80 euro, provento di quello spaccio che al venerdì sera aumenta e per il quale un 20 enne tunisino senza fissa dimora si era attrezzato. Luogo del ritrovo del pusher con i clienti l’area di via Cesare Costa. Dove alla vista dei militari l’uomo ha tentato la fuga. Prima a piedi poi in sella ad una bicicletta. Scatta l’inseguimento lungo via Cista. Tenta di liberarsi della merce ma i militari gli sono addosso. Lui non demorde. Diventa una furia ed aggredisce i Carabinieri, con calci e pugni. Viene bloccato e perquisito. Con lui la grande quantità di merce pronta per lo spaccio, sequestrata dai militari insieme al contante. Scatta l’arresto oltre che per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente anche per aggressione a pubblico ufficiale. Dopo quella della cella di sicurezza della caserma si è aperta la porta del carcere. Nel frattempo a pochi metri dal luogo dell’arresto, è stata chiuso con robusti catenacci l’accesso all’area dell’ex termosanitaria Corradini, sgomberata nei giorni dall’occupazione abusiva di decine di senza fissa dimora. Ormai presenti in tante altre zone abbandonate della città. Già segnalata al comune, ma senza risultati, la presenza di tende abusive negli scheletri degli edifici abbandonati da venti anni al grezzo dell’area dell’ex mercato bestiame. Cattedrale in un deserto urbano di abbandono e degrado accessibile dai varchi ricavati nelle recinzioni e dove, lo spazio è l’unica cosa che non manca. Occupazione abusiva che ha coinvolto in queste ore anche il proprietario di una seconda casa a Fiorano Modenese. Che ha denunciato per invasione di terreni ed occupazione di edifici, un 37enne ed un 51 enne di origini ghanesi, irregolari che avevano trovato rifugio nella sua proprietà

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui