Braccio di ferro tra l’Ausl di Modena e i sindacati del comparto sanitario. Dopo la rottura delle trattative sull’organizzazione del lavoro, le sigle annunciano lo stato di agitazione

Stato di agitazione per i dipendenti dell’Ausl di Modena. Lo preannunciano congiuntamente i sindacati, sia quelli confederali sia quelli autonomi, dopo l’interruzione della trattativa in corso sull’organizzazione del lavoro. “Nei prossimi giorni – spiegano le sigle – saremo convocati insieme all’Azienda in prefettura per un tentativo di conciliazione: se non si troverà l’accordo, passeremo al blocco degli straordinari e ad ulteriori azioni di lotta”. I negoziati si sono interrotti due settimane fa e in mezzo c’è già stato un presidio di protesta dei lavoratori davanti alla Direzione generale Ausl di via San Giovanni del Cantone. Il nodo è costituito dal piano occupazionale 2015. Quest’anno, fra pensionamenti e dimissioni, si sono liberati 178 posti, ma – protestano i sindacati – l’Azienda ne ha rimpiazzati solo 27, mentre 101 lavoratori sono stati assunti a tempo determinato. “Tra gennaio e agosto – rimarcano sempre Cgil, Cisl, Uil, Nursind, Fials e Fsi – sono state richieste ed effettuate 300mila ore di straordinario”. “L’unica misura per la sostenibilità del sistema sanitario continua a essere la compressione delle retribuzioni dei lavoratori”, attaccano le sigle. Dall’Ausl, per il momento, nessuna replica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui