Lo ha detto il presidente della cooperativa Mauro Gori

Se non sarà riammessa in tempi brevi alla white list, la Cpl Concordia sarà costretta a licenziare almeno 500 lavoratori. Lo ha detto il presidente della cooperativa Mauro Gori, ieri sera, nella conferenza stampa che si è tenuta al termine dell’assemblea dei soci, nella quale si è fatto il punto sullo stato di salute dell’azienda, finita al centro di un’inchiesta per corruzione. Per “tempi brevi”, Gori intende qualche settimana o, al massimo, pochi mesi: “Se l’interdittiva antimafia sarà rimossa solo nel 2016 – ha specificato –, dovremo privarci della collaborazione di 500 lavoratori, di cui 380 già quest’anno”. Di qui l’appello rivolto al prefetto di Modena.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui