Secondo il presidente di Confagricoltura Modena Eugenia Bergamaschi, da due anni a questa parte si è fatto poco sul tema di messa in sicurezza del Secchia, affinché non si ripeta una nuova tragedia

19 gennaio 2014: la bassa modenese, dopo il terremoto, si trovò davanti a un nuovo disastro. Nell’anniversario della violenta alluvione che colpì la provincia, il pensiero va anche alle imprese industriali, commerciali ed agricole danneggiate. A richiedere i danni sono state in tutto più di 500 attività. 24 mesi dopo la tragedia i luoghi inghiottiti dall’acqua fanno ancora paura essendo stati fatti solo i lavori più urgenti. Sono tante ancora le segnalazioni dei cittadini ad Aipo, tra problemi di varia natura e smottamenti. 

I paesi più colpiti dall’alluvione, come Bastiglia e Bomporto, hanno saputo rialzarsi con coraggio, proprio com’era accaduto nel 2012 nell’area devastata dal terremoto. Il via libera ai risarcimenti è stato ottenuto dalla maggior parte delle imprese, ma i tempi dei pagamenti restano ancora molto lunghi, quindi il problema maggiore.

Ai nostri microfoni Eugenia Bergamaschi, Presidente di Confagricoltura Modena

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui