Giovedì le firme e l’ufficializzazione dell’accordo, ieri le prime parole della famiglia Cerciello che ha spiegato i motivi del trasloco a Modena. Le liti del Comune alla base del loro addio

Siamo stati trattati male dal Comune, chiedevamo concessioni equamente divise con la società maschile e al PalaPanini risparmieremo circa 40-50 mila euro di affitto rispetto al PalaBanca. Queste sono alcune delle motivazioni cardine espresse ieri da Vincenzo Cerciello, presidente della fu Nordmeccanica Piacenza e futura Liu Jo Nordmeccanica Modena. Nel corso di una conferenza stampa all’interno dell’azienda di famiglia, i nuovi protagonisti che si affacceranno sulla scena del volley modenese hanno spiegato i motivi di un addio alla città che hanno fatto grande pallavolisticamente, prima di indirizzarsi verso la Ghirlandina grazie al supporto dei fratelli Marchi e dell’azienda Liu Jo, che continuerà la sua avventura nel mondo del volley solo in qualità di main sponsor. Se con questa prima conferenza stampa post accordo, di fatto, è stata messa la parola fine all’avventura piacentina della famiglia Cerciello, ora si attendono maggiori dettagli a breve circa il futuro, circa quello che sarà il progetto modenese per le prossime stagioni. A lasciare qualche perplessità sugli effettivi vantaggi che il nuovo sodalizio avrà, però, è il recente passato. La LJ Volley che per le ultime tre stagioni ha condiviso il PalaPanini con la società maschile di Modena Volley, infatti, ha dovuto fare i conti con un affitto da pagare similare, se non leggermente superiore, a quello pagato dai Cerciello al PalaBanca. Per quanto riguarda le concessioni e condizioni, inoltre, medesimo discorso: il club della presidentessa Catia Pedrini dispone della gestione del palazzetto e, pertanto, la posizione è sicuramente privilegiata rispetto a qualsiasi altro eventuale club affittuario. Le prossime settimane, sicuramente, faranno luce anche su tutti questi aspetti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui