Ci si aspettava una nuova vittoria, sull’onda dell’entusiasmo per quella conquistata mercoledì con la Juventus, invece ad Udine i neroverdi non sono andati oltre lo 0-0. Un punto che, comunque, non dispiace

I colori dei rivali erano sempre gli stessi, ma il bianconero questa volta non ha esaltato il Sassuolo, che a quattro giorni di distanza dalla storica vittoria con la Juventus non è riuscito a ripetersi nella trasferta di Udine. Soltanto uno 0-0 per i neroverdi al Friuli contro la formazione di Colantuono, in una gara condizionata dalle pessime condizioni del terreno di gioco che di emozioni ha saputo regalarne ben poche. A dire il vero un peso non di poco conto lo hanno avuto anche assenze e fatiche dovute alle tre gare giocate in una settimana, che non a caso hanno costretto mister Di Francesco a schierare una formazione per 6 undicesimi diversa a quella vista all’opera mercoledì sera al Mapei Stadium contro la Juventus: al preannunciato debutto stagionale di Longhi e ai rientri già previsti di Consigli, Duncan, Defrel e Floro Flores si è aggiunto anche quello di Terranova, chiamato a rimpiazzare un Cannavaro nemmeno partito per il Friuli a causa di un piccolo fastidio muscolare.

Non solo, perché ad Udine Di Francesco ha anche riproposto Biondini per far rifiatare capitan Magnanelli, l’unico assieme a Missiroli che fino a ieri non aveva saltato neanche un minuto di gioco dall’inizio del campionato. Facile, insomma, capire il motivo per il quale il Sassuolo è sembrato meno fluido e più spento del solito, in particolare sotto il profilo della produzione offensiva: il portiere dell’Udinese Karnezis ha infatti corso l’unico vero pericolo poco prima del quarto d’ora, quando un tiro del grande ex della gara Floro Flores ha scheggiato il palo. È stata questa l’occasione più nitida creata dai neroverdi, non a caso strigliati a dovere da Di Francesco in particolare nel primo tempo.

Alla fine, però, il Sassuolo è tornato a casa con un punto che fa classifica, consentendo ai neroverdi di riscattarsi dopo due sconfitte consecutive lontano dalle mura amiche del Mapei Stadium e soprattutto di mantenere il quinto posto in classifica, a -5 dalla vetta. E domenica, nel 12° turno di campionato che anticiperà una nuova sosta per gli impegni delle nazionali, a Reggio Emilia arriva il Carpi per il primo, storico derby della provincia di Modena in serie A.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui