Aumentano gli incidenti mortali sulle strade dell’Emilia Romagna, e Modena è seconda in regione per il numero di vittime registrato: dall’inizio dell’anno ad oggi se ne contano già 30

Continuano a macchiarsi di sangue le strade dell’Emilia Romagna, con un incremento costante delle vittime di incidenti mortali. È quanto emerge dall’analisi dell’osservatorio regionale sulla sicurezza stradale, che nei primi sette mesi del 2019 ha contato ben 179 persone decedute, a fronte delle 162 che hanno perso le vita l’anno scorso. Una situazione preoccupante soprattutto a Modena, dove le vittime della strada sono passate dalle 22 registrate nell’arco dell’intero 2018 alle 30 di quest’anno; dati che collocano la nostra città al secondo posto in regione per numero di incidenti mortali, preceduta soltanto da Bologna che continua a detenere il primato nonostante un lieve calo dei decessi. In questa triste classifica seguono Ravenna e Forlì – Cesena. Per quanto riguarda il profilo delle vittime, i più coinvolti sono sempre gli automobilisti che rappresentano quasi alla metà del totale. Seguono i motociclisti e i pedoni, a dimostrazione che ancora una volta gli utenti “deboli” sono spesso vittime innocenti sulla strada. Un altro dato significativo è quello che riguarda gli autisti di mezzi pesanti: dall’inizio dell’anno ad oggi hanno perso la vita ben 11 camionisti, a fronte dei 7 deceduti nel 2018, evidenziando un problema crescente per questo tipo di veicoli, anche di recente al centro della cronaca locale: basti pensare al triplice tamponamento tra due tir e una bisarca avvenuto a borgo Panigale pochi giorni fa che ha causato la morte di uno dei conducenti, oltre che forti disagi alla circolazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui