A Modena, nonostante il passaggio del colmo di piena, rimangono chiusi in via precauzionale Ponte Alto sul fiume Secchia e ponte dell’Uccellino, sempre sul Secchia, tra Modena e Soliera. Chiuso anche il vecchio ponte di Navicello sul Panaro, così come il ponte di via Curtatona sul torrente Tiepido. Il livello dei fiumi, pur in calo, non ha ancora raggiunto la quota di sicurezza che consente la riapertura delle infrastrutture e le previsioni meteorologiche per la giornata non sono positive. Il punto sulla situazione, anche alla luce delle valutazioni sull’apporto idrico previsto dalla montagna, verrà fatto nel corso della mattina dal Coc, il Centro operativo comunale, e dalla Sala operativa unica integrata di Marzaglia che sta coordinando l’attività dei tecnici e dei volontari di protezione civile, impegnati nel monitoraggio notturno degli argini dei fiumi e ancora al lavoro in queste ore. Nella notte è stato riaperto il tratto di via Emilia Est chiuso ieri, tra le vie Caduti sul lavoro e Scartazza, per consentire i lavori di drenaggio delle acque con le idrovore. Riaperti anche i sottopassi di via Indipendenza e via Respighi, rimane chiuso il sottopasso di via Pomposiana a Cittanova: il livello dell’acqua comunque è già sceso sotto il mezzo metro. Riaperta anche via Zanfi, stradi di collegamento con la tangenziale Pirandello. In quella zona di Modena ovest rimangono chiuse per la presenza di aree allagate via Cavana, via Pistoni e via Bering. Ieri sono stati numerosi gli interventi dei tecnici comunali, insieme ai Vigili del fuoco, alla Polizia municipale e ai volontari di Protezione civile, per risolvere le situazioni dovute alle difficoltà delle strutture di scolo delle acque causate dalle precipitazioni eccezionali della notte tra sabato e domenica. Permangono problemi a Modena zona Vie Barchetta  Cavani, per ancora difficoltà nello smaltimento piogge cadute tra sabato e domenica con diversi interventi di prosciugamento effettuati e verifiche in corso. Problemi analoghi anche zona Strada Cavo Argine. Questa notte verso le 3,30 uno smottamento di un terrapieno con cedimento di un muro di contenimento a Verica di Pavullo, via Pertini, via Fondi,  ha reso necessario evacuare a scopo precauzionale alcune famiglie residenti in due edifici. Da inizio emergenza sono stati oltre 120 interventi effettuati con l’impiego di 50 vigili del fuoco.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui