I due sono stati colti in flagranza di reato. Richiedevano denaro all’azienda del settore carni per calmare proteste e picchetti dei lavoratori

Il settore della lavorazione carni rimane in subbuglio a Modena e le ormai note vicende di proteste e scioperi dei lavoratori tornano ora prepotentemente alla ribalta, dopo un periodo di calma quantomeno apparente, per l’operazione portata a termine nelle scorse ore dalla Polizia di Stato, che ha tratto in arresto due sindacalisti di spicco a livello nazionale del ‘Si Cobas’, autori di estorsioni in denaro ad una nota ditta modenese operante nel settore. I due uomini sono stati sorpresi in flagranza di reato e subito fermati poco dopo aver incassato una tranche della somma pattuita allo scopo di calmare e moderare picchetti e proteste dei lavoratori dell’azienda stessa. Ad intervenire sono stati gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Modena, che hanno fermato i due sindacalisti a cui viene ora contestano il reato di estorsione aggravata e continuata.
I dettagli dell’operazione saranno resi noti quest’oggi, nel corso di una conferenza stampa convocata per le ore 12.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui