Nel video l’intervista a Gianni Gibellini, Presidente nazionale Efi

Mascherine bloccate in dogana, operatori costretti a lavorare senza i dispositivi di sicurezza e troppa gente che non rispetta le regole. E’ una denuncia forte quella che arriva da Gianni Gibellini, presidente nazionale di Efi, sull’attività delle aziende funerarie che operano in questo momento di emergenza per il Coronavirus. Gibellini chiarisce anche che non sono cambiate con l’emergenza le modalità di tumulazione, contrariamente a quanto si pensa. Fra le normative su cui intervenire, per Gibellini, c’è quella sui decessi nella propria abitazione, purtroppo sempre più frequenti per il Covid.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui