Non più solo la neve come fonte di sviluppo. Durante il convegno di ieri a Sestola si è discusso di come promuovere il turismo durante tutto l’anno

Cinema Belvedere gremito ieri a Sestola per il convegno sullo sviluppo turistico della montagna che ha visto riuniti gli stati generali: istituzioni, operatori e commercianti. Ne è emersa una fotografia incoraggiante sulla base degli ultimi dati che hanno visto nel 2015 su tutta la dorsale appenninica un incremento di arrivi del 10% e del 4% per quanto riguarda le presenze. Il comparto neve resta una base imprescindibile, e infatti la Regione ha annunciato 3,2 milioni di investimenti strutturali e 500mila euro di aiuti al termine di una stagione difficile sulle piste, a parte il caso del Cimone. Ma tutti sono stati concordi sul bisogno di dare nuova promozione al territorio nelle quattro stagioni facendo leva su ambiente, storia, gastronomia e sport, elemento strategico anche per il turismo estero. I progetti andranno sviluppati partendo dalla nuova legge di settore approvata a marzo a 18 anni dalla precedente, favorendo l’interconnessione tra pianura e montagna. Il primo banco di prova di questa logica di rete sarà già il 17 maggio la tappa del Giro d’Italia con arrivo a Sestola e attraversamento di gran parte della provincia. Una vetrina eccezionale che ha richiesto un piano straordinario di sistemazione, per 700mila euro, di una viabilità in dissesto cronico. E con le nuove strade, si aspettano anche nuovi turisti.

Ai nostri microfoni Stefano Bonaccini, Presidente della Regione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui