Promossa dall’Università di Modena e Reggio Emilia, l’esposizione è il momento conclusivo di un progetto volto ad informare sugli scontri armati e sulle attività illegali che si celano dietro l’approvvigionamento di quei minerali, indispensabili alla produzione di smartphone, tablet e altri dispositivi elettronici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui