A 12 anni dalla strage di Nassiriya, si è tenuta questa mattina a Modena la cerimonia commemorativa

Il pensiero ritorna a 12 anni fa, una delle pagine più tristi della recente storia italiana. Il 12 novembre del 2003, resterà scolpito per sempre nella mente perché quel giorno nel sud dell’Iraq, un camion-bomba e un’auto imbottiti di esplosivo, devastarono la base italiana Maestrale a Nassiriya. L’esplosione fu potentissima e distrusse uno dei due edifici e danneggiò l’altro, quello che era sede del comando. In fiamme anche il deposito delle munizioni della base da dove arrivarono nuove esplosioni innescate dall’attentato. Il 12 novembre morirono: dodici carabinieri, cinque militari dell’Esercito che facevano da scorta a una troupe cinematografica che si trovava a Nassiriya per girare un documentario sulla ricostruzione dell’Iraq, due civili italiani e 9 civili iracheni. Feriti una ventina di italiani, tra militari e civili. La notizia, quel 12 novembre, arrivò alla mattina verso le 8.45 e oggi, in coincidenza dell’anniversario della strage, in tutta Italia è stata celebrata la Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace. A Modena alla cerimonia, con la presenza dei Gonfaloni della città e della Provincia e l’intervento della Banda cittadina, hanno partecipato le autorità cittadine e una Guardia d’onore formata da allievi dell’Accademia militare. Durante la mattinata è stata inoltre deposta una corona d’alloro ai piedi del monumento ai Caduti in viale Martiri della Libertà.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui