Il primo punto della storia, conquistato dal Sassuolo a Torino contro la Juventus è da applausi, perché meritato, coraggioso e frutto della filosofia di gioco di De Zerbi che manda in campo una squadra ultra offensiva contro la prima della classe. Finisce 2-2 all’Allianz Stadium di Torino con un Sassuolo che deve fare i conti con tantissimi infortuni nei ruoli chiave a cui si aggiunge anche il forfait di Consigli che fa debuttare un Turati, classe 2001, che alla fine risulterà tra i migliori in campo. La Juventus, come da copione, inizia meglio portandosi più volte vicina al vantaggio già dai primissimi minuti e trova la rete al 21° con Bonucci che arriva fino al limite dell’area ed esplode un tiro rasoterra che si spegne in rete sul primo palo. Il Sassuolo non si demoralizza, anzi reagisce veementemente e trova il pareggio due minuti dopo con una rete capolavoro di Boga che riceve da Traorè e beffa Buffon con un colpo sotto degno del miglior Totti. Tre minuti dopo l’inizio della ripresa il Sassuolo passa addirittura in vantaggio grazie ad un vero e proprio disastro difensivo della Juventus con De Ligt che sbaglia il passaggio mandando il pallone verso Caputo; il suo tiro di prima intenzione trova impreparato Buffon e si spegne lentamente in rete.
Sarri gioca la carta del tridente, fa entrare Dybala assieme a Ronaldo ed Higuain e tenta il tutto per tutto ma solamente un’ingenuità di Romagna, che sbaglia l’intervento su Dybala e lo atterra in area, offre ai bianconeri l’opportunità di pareggiare. Il rigore al 69° di Ronaldo è da manuale ed il risultato torna in parità.
Nei venti minuti finali l’assedio bianconero non porta risultati, con De Zerbi che si copre facendo salire Peluso al posto di Boga: un punto doro per il Sassuolo che inizia nel migliore dei modi un mese denso di impegni con le prime della classifica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui