Nel video intervista a Giovanni Casaletti, Direttore Servizio Igiene pubblica Ausl Modena

In tutta la regione ha già messo a letto 374mila persone, ma il peggio, dicono gli esperti, è passato. Stiamo parlando dell’influenza stagionale, che quest’anno sembrerebbe aver raggiunto il picco già a cavallo della fine di gennaio e i primi giorni di febbraio, segnando un’incidenza pari a 13,1 casi per 1000 assistiti a livello nazionale. Un trend seguito anche in Emilia-Romagna e a Modena, dove la classica malattia invernale, complice anche una stagione decisamente più mite e primaverile, pare essere stata più blanda. Ad oggi in tutta la regione si è registrato un calo di casi gravi, 26 in tutto, di cui quattro decessi. A Modena si è contato un solo caso grave -già in miglioramento- a fronte dei 19 dello scorso anno e nessun decesso, mentre nel 2019 i morti erano stati sette. Dati inversamente proporzionali alla copertura vaccinale, che invece, nonostante i numeri ancora provvisori, nella nostra provincia si può già dire che sia aumentata esponenzialmente, soprattutto tra le donne in gravidanza, ma non solo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui