L’autopsia sul corpo della 22enne Maura di Puoti è prevista per giovedì mattina. Dopo il mandato della procura affidato martedì, l’analisi per capire le cause esatte della morte della giovane è affidata domani ai medici. Una morte apparentemente inspiegabile, quella della ragazza di Caserta che da tempo risiedeva a Ca’ di Sola a Castelvetro, con tutta la famiglia. Ricoverata per dolori riconducibili all’appendicite, poi scoperta essere peritonite, Maura di Puoti è stata operata con urgenza l’8 ottobre all’ospedale di Sassuolo per essere poi trasferita a Baggiovara per ulteriori analisi. La ragazza continuava infatti a lamentare dolore, apparentemente non riconducibile all’intervento da poco subito. Il suo quadro clinico è peggiorato improvvisamente all’interno dell’ospedale civile. La tragedia si è consumata nella notte tra il 17 e il 18 ottobre quando la 22enne si è spenta, dopo quello che sembra essere stato uno shock emorragico. Le analisi di domani mireranno a fare chiarezza sulle ultime ore di vita della giovane e soprattutto sugli eventuali legami della morte con l’intervento subito a Sassuolo. Intanto la procura ha aperto un fascicolo in cui sono stati iscritti 12 medici, coinvolti nell’operazione dell’8 ottobre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui