Sabato 10 Dicembre 2016 | 17:33

NEET: IN ITALIA SONO IL 26% DELLA POPOLAZIONE

Si tratta di giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano


Non si fa in tempo a parlare di una ripresa dell'economia che subito arriva una doccia fredda sul fronte del lavoro giovanile. In Italia i "Neet", i giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono occupati né iscritti a scuola o in apprendistato, sono il 26,09%  il quarto dato più elevato tra i Paesi Ocse. A riferirlo è la stessa organizzazione in un rapporto sulla disoccupazione giovanile. All'inizio della crisi i Neet erano il 19% ora il dato si attesta al 26: una percentuale che se contabilizzato raggiunge il 2% del Pil, dunque un fenomeno non marginale e con costi sociali molto elevati.

Tra le soluzioni individuate per arginare l’emorragia dei Neet c’è la formazione che permette ai giovani di sviluppare le competenze sia tecniche che di vita; una volta formati è necessario cercare individuare la loro migliore collocazione nel mondo del lavoro.

Ai nostri microfoni Alessandro Rosina, Docente Università Cattolica di Milano

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche