Apertura della Porta Santa anche nella diocesi di Carpi: tanti i fedeli presenti a Santa Croce alla messa con il vescovo mons. Francesco Cavina

Dio ama sicuramente la salvezza dell’uomo, ma non costringe nessuno, non violenta la nostra libertà, la sua è una proposta che guarda più alla libertà e per questo coinvolge tutte le facoltà dell’uomo: l’intelligenza, l’affettività e la volontà.  E’ un passaggio dell’omelia di mons. Francesco Cavina, vescovo della diocesi di Carpi, in occasione dell’apertura della Porta Santa per il Giubileo della Misericordia che si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri nella Chiesa di Santa Croce a Carpi. Tanti i fedeli che hanno partecipato alla messa e che hanno voluto attraversare la Porta Santa. Una cerimonia solenne alla quale hanno concelebrato tutti i sacerdoti della diocesi. Nella sua omelia mons. Cavina ha ricordato la figura di Giovanni come precursore di Cristo che si presenta come predicatore di penitenza e messaggero di salvezza. Quella di Santa Croce non è l’unica porta santa, i fedeli, infatti, si potranno recare anche presso la chiesa di San Bernardino da Siena.

Ai nostri microfoni Mons. Francesco Cavina, vescovo Diocesi Carpi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui