È stato definito il percorso della fiaccolata dedicata a Benedita Dan, la prostituta uccisa e buttata in un fosso ad Albareto. Il corteo prenderà il via da piazza Grande e terminerà in piazza Pomposa

Un fiume di luci di candele partirà da Piazza Grande, il cuore della città, passerà poi per via Emilia Centro, per via Emilia Ovest fino a Palazzo Europa, proseguirà attraverso il parco Novi Sad e terminerà in piazza Pomposa. Questo il percorso, reso noto oggi, della fiaccolata indetta per il 26 aprile alle 20.30 in memoria di Benedita Dan, la prostituta ferocemente uccisa e buttata in un fossato in zona Mulini Nuovi, ad Albareto. Nessun simbolo o bandiera, solo una candela, per ricordare l’ennesima vittima di femminicidio e più in generale, tutte le donne vittime di violenza. Dopo la fiaccolata in memoria di Ghizlan, la marocchina accoltellata e bruciata in via Cavazza all’interno della sua auto, i modenesi sono di nuovo chiamati a raccolta per un corteo silenzioso per lanciare un messaggio contro un fenomeno, quello del femminicidio, che anche nella nostra città non conosce tregua. Benedita non è che l’ultima vittima: morta nella notte tra il 6 e il 7 aprile, il 41enne di Pavullo Leopoldo Scalici ha confessato di averla colpita al viso e alla testa con una pesante morsa da banco e di essersi sbarazzato del suo corpo senza vita gettandolo fuori dal suo furgone, in un fosso al bordo della strada.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui