I cittadini si mobilitano con una raccolta firme per evitare il ridimensionamento del nosocomio

Il depotenziamento del reparto di chirurgia, la mancata fusione delle equipe con gli ospedali di Sassuolo e Pavullo, e il progetto di ridefinizione della rete e delle competenze delle ortopedie provinciali. Sarebbero questi alcuni segnali di una sorta di ridimensionamento dell’Ospedale di Vignola, che hanno portato i cittadini a raccogliere 2700 firme, per tentare di dare una svolta alla situazione di declino di un nosocomio per anni fiore all’occhiello della zona. La comunicazione è arrivata dal sindaco Mauro Smeraldi, ancora per poco nel ruolo di primo cittadino visto che a breve dovrà lasciare la fascia tricolore al commissario prefettizio dopo la sfiducia ricevuta sabato scorso in consiglio comunale. Smeraldi si è detto preoccupato per il futuro dell’Ospedale, perché la spending review indicherebbe un percorso fatto di riduzione del personale medico e infermieristico, riduzione dei servizi e dell’uso delle sale operatorie. I cittadini vignolesi con la raccolta firme intendono opporsi all’obiettivo di centralizzare la maggior parte dei servizi, come accaduto in altre realtà, nelle strutture di più grandi dimensioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui