E’ stato un anno da dimenticare per i canarini, ma per il 2017 l’obiettivo è rialzare la testa grazie al mercato e al nuovo tecnico

Otto vittorie, quattro in Serie B e quattro in Lega Pro, su quarantadue gare di campionato disputate. Una retrocessione nella terza serie nazionale, ovvero un ritorno dopo sedici anni di assenza, e quattro allenatori che si sono succeduti sulla panchina: da Crespo a Capuano passando per Bergodi e Pavan. E’ stato questo in estrema sintesi il 2016 da dimenticare del Modena, un 2016 reso meno amaro solo dal suo epilogo: il 4-1 di giovedì alla FeralpiSalò che, complici anche i risultati dagli altri campi, ha staccato i canarini dal fondo classifica portandoli un punto sopra il Mantova, tre sopra il Fano e alla pari di Teramo e Forlì. La salvezza diretta ora dista tre punti e la sosta porterà in dote a mister Capuano un attacco si spera rinforzato e rinvigorito a livello di qualità ed esperienza. Proprio il tecnico campano ha riacceso la speranza tra i tifosi, che lo hanno già eletto a vero e proprio idolo. Un mister sanguigno, un condottiero che avrà il non semplice compito di cancellare le delusioni degli ultimi mesi, tra cui le sconfitte nei derby con Mantova, Parma e Reggiana. Era iniziato con la clamorosa sconfitta di Vicenza il 2016 a tinte gialloblù, poi il canto del cigno di Hernan Crespo: le tre vittorie su Brescia, Latina e Livorno prima dell’esonero nella tremenda sconfitta interna con il Cagliari. Con Bergodi solo l’acuto sul Perugia, tripletta di Granoche, e poi la travagliata estate, con l’arrivo del ds Pavarese e la promozione di Simone Pavan, un regno il suo durato solamente quindici gare, fino alla trasferta di Santarcangelo. Da qui in poi è storia recente: un uomo solo al comando, Eziolino Capuano, ed una squadra rigenerata, ma per mettere fine al periodo nero serve un aiuto in più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui