L’organo, composto da 15 membri, si occuperà di gestire la fase sperimentale di tre anni

Istituzioni, professori dell’Università, dirigenti sanitari: è composta in tutto da 15 membri la cabina di regia insediata oggi per occuparsi del percorso di fusione tra Policlinico di Modena e Ospedale di Baggiovara. Ne fanno parte rappresentanti della Conferenza territoriale socio-sanitaria, della Regione Emilia-Romagna, docenti dell’Ateneo di Modena e Reggio e ovviamente i due direttore sanitari di Policlinico e Ausl provinciale, rispettivamente Ivan Trenti e Massimo Annichiarico. L’organo sarà chiamato a gestire la fase di sperimentazione di gestione unica tra i due nosocomi: sperimentazione che durerà tre anni al termine dei quali si dovrà valutare se la nuova organizzazione funziona oppure no. L’obiettivo dichiarato del progetto di fusione è razionalizzare la Sanità modenese. Il disegno prevede che il Policlinico sia punto di riferimento per salute della donna e del bambino, oncologia, malattie rare e centro trapianti, mentre Baggiovara sia più focalizzata su emergenze-urgenze, neuroscienze, emodinamica e chirurgie. All’interno della cabina di regia andrà ora nominato un coordinamento ulteriore incaricato di passare alla fase esecutiva.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui