Il 68enne morto mercoledì mentre tagliava legna nei boschi

Grande cordoglio a Serramazzoni per l’improvvisa scomparsa di Mario Gubertini, il 68enne morto mercoledì colpito dall’albero che stava tagliando nei boschi tra le frazioni di Casa Bartolacelli e Valle. Era infatti una persona conosciutissima, da cui tutti erano passati negli anni in cui faceva l’elettrauto e il gestore del distributore di benzina della Fondaccia. E sono stati davvero in tantissimi a venire stamattina per i funerali celebrati al Santuario: chiesa stracolma e più di 150 persone fuori nel piazzale. Tutto il paese insomma, e anche una delegazione dei vigili del fuoco di Pavullo, visto che uno dei figli è pompiere. Un grande abbraccio collettivo alla famiglia, colpita all’improvviso da una tragedia tremenda nella sua dinamica. Mario infatti, come aveva fatto tante altre volte, era intento a tagliare una pianta nel suo boschetto quando questa nella caduta si è spezzata contro altri rami vicino e la parte superiore è tornata indietro colpendolo violentemente alla testa. Non c’è stato nulla da fare, è morto praticamente sul colpo. A trovarne il corpo è stato il figlio Claudio, che si era messo alla sua ricerca perché a casa non vedendolo tornare cominciavano ad essere preoccupati. Si è trattato di una vera fatalità, perché nelle operazioni di taglio erano state prese tutte le precauzioni e la caduta è avvenuta dalla parte prevista. A tradirlo è stata la consistenza del tronco che, parzialmente marcio, si è rotto subito nello schianto finendo con la parte superiore proprio nel punto dove era appostato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui