Il servizio di ristorazione nelle scuole precluso ai figli di genitori morosi: l’associazione attacca Piazza Grande

Mense scolastiche vietate per i bambini i cui genitori non pagano le rette. Il Comune di Modena finisce nella lista dei cattivi di Save The Children. Ed è ‘giallo’ sulle regole in vigore nelle scuole primarie cittadine. Tutto nasce dall’ultimo Rapporto sulle mense scolastiche compilato dall’associazione per la tutela dei minori. Il regolamento applicato da Modena viene segnalato tra le prassi negative, perché esclude dal servizio di ristorazione i figli di genitori morosi.

Immediata la replica del Comune: il regolamento – specifica l’amministrazione – non vale per le scuole dell’obbligo, ossia si applica solo ai minori sopra i 16 anni. “A Modena mai nessun bambino è stato escluso dalla mensa – sottolinea l’assessore Cavazza –. Anzi, circa 600 alunni delle scuole primarie usufruiscono del servizio pagando rette dimezzate”. Ma a Save The Children i conti non tornano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui