Gran Premio del Belgio amaro per la Ferrari e soprattutto per il tedesco, che ha dovuto abbandonare la corsa a un giro e mezzo dal termine per l’esplosione improvvisa di una gomma.

La domanda che tutti si pongono, compreso Vettel è: “E se quella gomma fosse scoppiata in un altro punto del percorso?”. Una domanda che fortunatamente resterà ipotetica, perché la posteriore destra del ferrarista è letteralmente andata in frantumi all’uscita della Radillon e solo il talento del tedesco gli ha consentito di mantenere il controllo della macchina ed evitare guai peggiori. Era terzo in quel momento Vettel ad un solo giro e mezzo dal termine, stava lottando contro la Lotus di Grosjean dopo una stupenda rimonta, poi quel botto senza preavviso ed è qui che inizia la guerra mediatica tra il pilota, giustamente infuriato e impaurito, e la Pirelli, che si difende dicendo che quella gomma andava cambiata prima ed è esplosa a causa dell’eccessiva usura. Immediata la reazione della Ferrari, che tramite il team principal Arrivabene fa sapere come i dati in loro possesso autorizzassero la strategia adottata. Di chi sia la ragione non è dato sapere, la cosa importante è che Vettel sia uscito incolume da un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze ben peggiori. Per il resto la gara ha parlato ancora di un dominio incontrastato delle Mercedes e di Hamilton, sempre più leader del Mondiale. L’altro ferrarista Raikkonen, fresco di rinnovo, ha chiuso al settimo posto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui