E’ Modena il nuovo fronte ovest dell’epidemia di contagio da Coronavirus della nostra regione. I dati forniti ieri dal commissario straordinario Sergio Venturi, se da un lato evidenziano una curva leggermente calante in Emilia Romagna, dall’altro mettono sotto i riflettori la nostra provincia che in un giorno ha visto 199 nuovi casi sui 719 totali da Piacenza a Rimini, un triste primato sottolineato anche dalle parole di Venturi, che ha chiesto ai modenesi una maggiore rigorosità nel rispettare i divieti. Da sola Modena ha raggiunto in 24 ore i nuovi positivi di Piacenza, Parma e Reggio Emilia messe insieme, che ne sommano 235. Se da una parte la Lombardia e le province emiliane più colpite iniziano a vedere la luce, insomma, nel modenese l’epidemia non sembra accennare ad arrestarsi, anche se un dato positivo viene dallo stato di salute dei nuovi contagiati: ben 136 su 199, quindi il 68%, sono in isolamento a casa, 57 sono ricoverati e solo 6 (appena il 3%) sono più gravi. Come nei giorni scorsi si conferma la tendenza a un forte calo dei ricoveri in terapia intensiva, indice di come il virus si stai manifestando in una forma più lieve. Nei quasi 200 nuovi casi di ieri a fare la voce grossa è ovviamente il capoluogo con 44 positivi che portano il totale a 336, seguito da Carpi con 28 nuovi casi ma anche col primato di 15 guarigioni sulle 38 totali in provincia, poi San Felice (19) e Sassuolo (17). I decessi in totale a Modena e provincia salgono a quota 92 con gli ultimi 11 di ieri e hanno toccato ormai 20 comuni, da Serramazzoni fino alla Bassa. E in omaggio all’imprenditore carpigiano Giorgio Grillenzoni, socio della Garc scomparso per Coronavirus lunedì, la famiglia insieme ai soci Garc, contribuiranno all’acquisto di un’autoambulanza che sarà al servizio dell’Unione Terre d’Argine.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui