I carabinieri di Modena, nel corso dei servizi di controllo del territorio, particolarmente intensi in questo periodo in relazione alle misure di contenimento del virus, Nella tarda serata del 3 aprile u.s. hanno notato dei movimenti sospetti di persone Verso un appartamento in zona Periferica della città di Modena. Insospettiti da tali movimenti, hanno fatto accesso nell’appartamento in uso ad un trentasettenne marocchino, già noto alle forze dell’ordine, rinvenendo e sequestrando Quantitativi di cocaina per un totale di circa 250 g non che la somma di euro 3800, ritenuta provento dell’attività di spaccio, oltre a strumenti per la pesatura e il confezionamento della sostanza. Nel corso di tale attività, nelle prime ore del mattino, per lo stesso motivo, è stato Sottoposto a fermo di polizia giudiziaria anche un 28enne, connazionale dell’arrestato. Il reato contestato e’ quello di spaccio di sostanze stupefacenti.

I carabinieri di Guiglia, hanno proceduto al deferimento di un settantenne originario del bolognese, per aver omesso di denunciare le armi e munizionamento, regolarmente detenuti ma in una vecchia e residenza.

I controlli effettuati per il rispetto del DPCM hanno portato a innumerevoli multe. I servizi esterni effettuati ieri sul territorio hanno sanzionato complessivamente 33 persone In violazione delle norme di contenimento del virus. Di queste: 23 nella sola zona di Carpi E comuni limitrofi, dei quali 10 in spostamento all’interno dei comuni di residenza, Nove per essersi spostati al di fuori del comune di residenza, Tre per aver costituito assembramento ed uno per violazione delle limitazioni alle attività di impresa o professionale. In quest’ultimo caso, in particolare e’ stato contravvenzionato un commerciante che ha mantenuto aperto esercizio di vendita di ricambi per biciclette.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui