Aldo Taddeo è stato tratto in arresto questo pomeriggio dalla Guardia di Finanza per bancarotta fraudolenta per presunto provocato dissesto nell’ambito dell’inchiesta “Plastic Free” dove gli inquirenti hanno scoperto un buco da 8 milioni di euro. Insieme a lui sono stati colpiti da misura cautelare una donna, ai domiciliari, e una terza persona con obbligo di dimora.  L’indagine, avviata lo scorso luglio, è nata in seguito alla dichiarazione di fallimento di due storiche imprese, una di Busto Arsizio e l’altra di Samarate. Gli indagati avrebbero posto in essere una serie continuativa di distrazioni e di trasferimenti di risorse infragruppo che hanno comportato la dissipazione e la dispersione di importanti risorse finanziarie trasferite per lo più su conti correnti esteri con conseguente depauperamento patrimoniale economico finanziario delle  due società condotte dolosamente  si presume al fallimento. Il ruolo di Taddeo nell’inchiesta non è ancora stato delineato con chiarezza dagli inquirenti ma da indiscrezioni non sarebbe marginale. Aldo Taddeo è stato Presidente del Modena Calcio per soli 20 giorni circa, dal 6 ottobre 2017 al 25 ottobre dello stesso anno a seguito della cessione delle quote da parte di Antonio Caliendo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui