Niente da fare per Galloppa, Crespo pensa a Nizzetto per il centrocampo, mentre in difesa ci sono problemi abbondanza

Tornare per la prima volta da una trasferta con un successo, questo il sogno proibito del Modena atteso domani a Trapani. Crespo prepara la formazione tra sorrisi e smorfie di dolore, come quelle che hanno segnato il volto di Daniele Galloppa negli ultimi giorni. Quell’adduttore continua a perseguitarlo, non gli permette di allenarsi con continuità e allora nuovo stop, almeno fino alla settimana prossima. Il suo posto lo prenderà Nizzetto, con lui a centrocampo Belingheri e Giorico.

Ma ci sono anche i sorrisi, come quelli di Cionek rientrato dalla settimana trascorsa con la nazionale polacca in cui finalmente ha trovato spazio, anche se solo per un tempo. Domani torna in difesa e attende di sapere i nomi dei compagni che lo affiancheranno: Gozzi probabilmente, Marzorati pure, con Popescu costretto alla panchina. Quello che conta e che il Modena cerca è una partita lontano dal Braglia senza subire gol. Non ci è mai riuscito finora, in ogni gara in trasferta ha subito almeno una rete: ma domani la prima regola è non prenderle, almeno questa sembra la nuova filosofia dei gialli. Perchè se dietro la porta è blindata, come in occasione del match con la Pro, là davanti qualcosa può sempre succedere. La fase offensiva è più prolifica negli ultimi incontri, il Modena segna da 4 incontri consecutivi e ancora attende il suo bomber migliore, il Diablo Granoche alla ricerca del primo gol della stagione. Già 3 ne ha segnati il suo partner, Stanco. Una coppia atipica, ma che vista la magra degli altri attaccanti è la migliore a disposizione di Crespo. Sfatare il tabù trasferta, il Modena ci prova per cambiare finalmente marcia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui