Lo schiacciatore, indagato per l’incidente davanti al Frozen, sarà fra i titolari nella sfida tra Dhl Modena e Lotos Danzica

Earvin Ngapeth torna in campo, mentre su di lui pende la scure dell’inchiesta giudiziaria. Lesioni colpose e omissione di soccorso: sono queste le ipotesi di reato che gravano sullo schiacciatore della Dhl Modena Volley che, lo scorso 5 novembre davanti alla discoteca Frozen, ha investito con la sua auto tre persone senza fermarsi a prestare aiuto. Il pallavolista – autodenunciatosi cinque giorni dopo il fattaccio – rischia una condanna da sei mesi a tre anni di reclusione. Intanto, questa sera, Ngapeth torna a giocare. La presidentessa della Dhl, Catia Pedrini, che inizialmente lo aveva sospeso, ha deciso di reintegrarlo in rosa e l’asso francese è così di nuovo a disposizione di coach Lorenzetti. A partire da questa sera. Lo schiacciatore campione d’Europa con la Nazionale transalpina sarà tra i titolari nell’importante sfida di Champions League, al PalaPanini contro il Lotos Danzica. Per Ngapeth è la prima apparizione in pubblico dopo la censurabile vicenda dell’incidente. C’è attesa per vedere quale accoglienza gli riserveranno i tifosi. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui