La Polizia di Stato di Modena ha effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di spaccio di sostanze stupefacenti, immigrazione clandestina e prostituzione. 46 persone sono state identificate nel corso delle operazioni. Tre le prostitute fermate e due le sale slot sanzionate

Giro di vite nelle zone calde di Modena, sottoposte ad un controllo straordinario da parte degli uomini della Polizia di Stato. Da viale Gramsci, alla stazione ferroviaria, al Parco Novi Sad e 22 aprile ma anche via Emilia Ovest e via Emilia est il personale della Squadra Mobile unitamente a uomini del Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia e ad una unità cinofila della Questura di Bologna, per tutta la notte hanno effettuato un servizio straordinario finalizzato alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni dello spaccio di sostanze stupefacenti, dell’immigrazione clandestina e della prostituzione. L’operazione ha portato all’identificazione di 46 persone, di cui 22 di nazionalità straniera e al controllo di 19 autoveicoli. Tre cittadine straniere, sorprese mentre si stavano prostituendo sono state accompagnate in Questura per accertamenti più approfonditi sulla loro identità. In località San Damaso sono stati rinvenuti, occultati nelle vicinanze di uno stabile 40 grammi di marijuana. Nel corso della notte sono state sottoposte a verifiche anche 5 sale slot con accertamenti estesi anche agli avventori. Con il risultato di 2 sanzioni amministrative emesse per il mancato rispetto degli orari di apertura e chiusura

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui