Per i cittadini modenesi che hanno acquistato diamanti da investimento tramite la propria banca è arrivata una buona notizia. Il Tar del Lazio ha confermato le sanzioni irrogate ad ottobre 2017 dall’Antitrust nei confronti delle banche e delle società di intermediazione accusate di aver proposto ai propri clienti investimenti ingannevoli

Arrivano buone notizie per i cittadini modenesi coinvolti nella truffa dei diamanti. Il Tar del Lazio ha confermato le sanzioni comminate dall’Antitrust nei confronti delle banche e delle due società di intermediazione accusate di aver compiuto pratiche scorrette ai danni di ignari acquirenti: nello specifico le società sono state tacciate di aver venduto diamanti con modalità ingannevoli e omissive. L’investimento veniva presentato come sicuro, redditizio e facile da liquidare, in realtà così non era e i clienti ricevevano diamanti che valevano un terzo della cifra pagata e impossibili da rivendere. Numerosi i cittadini modenesi coinvolti nella truffa: in tutta la regione i ricorsi seguiti da Federconsumatori sono stati oltre 2000, di cui un migliaio solo a Modena. La multa comminata dall’Antitrust alle due società d’intermediazione e alle 4 banche coinvolte, Unicredit, Banco Bpm, Intesa San Paolo e MPS è di 15.35 milioni di euro. Federconsumatori fa sapere che Unicredit e Intesa Sanpaolo stanno rimborsando il 100% dell’investimento iniziale, Banco BPM il 40-50-60% dell’importo mentre la MPS non ha ancora fornito nessuna risposta alle richieste di incontro avanzate dall’Associazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui