Cresce il numero delle donne costrette a prostituirsi sulle strade della nostra città. Diverse le associazioni del territorio che tentano di stringere un rapporto di fiducia con queste ragazze al fine di poter cambiare la loro vita

Il fenomeno della tratta degli esseri umani porta sulle strade di Modena e dell’Emilia Romagna vittime di sfruttamento sessuale, lavori forzati, costrizione all’accattonaggio o ad attività illegali come spaccio o furti. Dati forniti dalla Regione parlano di quasi 1000 persone trovate e assistite a partire dal 2013, per la maggior parte donne. Sulle strade di Modena è in aumento il numero delle nigeriane vittime di sfruttamento sessuale. Con queste ragazze le unità di strada dell’Associazione Papa Giovanni Paolo XXIII e di Caleidos tentano di stringere un rapporto di fiducia che possa portarle a cambiare la loro vita. La Regione ha inoltre stanziato 1,8 milioni di euro attraverso l’operazione “Oltre la Strada”, un sistema di interventi socio-sanitari. Ma è sufficiente?

Nel video l’intervista a Irene Ciambezi, sssociazione Papa Giovanni XXIII

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui