Camion piomba su mercatino Natale, arrestato un pakistano ma non sarebbe lui l’autore dell’attentato: caccia all’uomo. Sul luogo della tragedia trovato il cellulare di una giovane di Sulmona, Fabrizia Di Lorenzo, di cui non si hanno più notizie: i genitori sono già volati in Germania

Dodici morti, 48 feriti, una giovane italiana dispersa. E l’attentatore è ancora in fuga. L’attentatore è ancora in fuga. E’ caccia all’uomo, in Germania, il girono dopo la strage di Berlino. Erano circa le 20 di lunedì sera quando un camion è piombato a tutta la velocità sull’affollato mercatino di Natale nel quartiere di Charlottenburg. La polizia tedesca, un’ora dopo la tragedia, ha arrestato a circa 2 chilometri di distanza un pakistano di 23 anni, richiedente asilo politico e sospettato di essere l’autore della strage. Ma con il passare delle ore il suo coinvolgimento viene ritenuto sempre meno probabile: per fugare i dubbi le autorità locali hanno disposto il test del Dna. A bordo del tir è stato trovato morto un 37enne polacco: si tratta del vero autista del camion. Sarebbe stato ucciso dall’attentatore, prima di dirottare il mezzo sulla folla. Il ministro dell’Interno della Germania, passata l’iniziale titubanza, ha confermato che si è trattato di un attentato terrorista. Tra i dispersi c’è una ragazza italiana: Fabrizia Di Lorenzo, 31 anni, originaria di Sulmona, in provincia di L’Aquila. La giovane vive e lavora nella capitale tedesca già da diversi anni: il suo telefono cellulare è stato ritrovato sul luogo della strage e oggi la ragazza non si è presentata al lavoro. I genitori sono già volati a Berlino per sottoporsi all’esame del Dna. Sconvolto il padre: “Abbiamo capito che era finita stanotte: siamo stati noi a chiamare la Farnesina”, ha riferito. Tra i feriti ci sarebbero due italiani, ma entrambi in modo lieve. Commentando la tragedia, la cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha dichiarato: “Non vogliamo vivere nella paura”. Poi ha aggiunto che “sarebbe intollerabile se si confermasse che a compiere questo atto è stata una persona che ha chiesto protezione e asilo in Germania”. Ciononostante – ha assicurato – “continueremo a dare sostegno a chi vuole integrarsi”. Merkel ha ricevuto la telefonata dall’Italia del premier Paolo Gentiloni, che ha espresso “dolore e vicinanza” per quanto accaduto. Anche il neo-presidente americano Donald Trump ha mandato le sue condoglianze, parlando di “terroristi radicali islamici che uccidono cristiani”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui