Dopo la vittoria sul filo di lana contro il Sudtirol, in casa gialloblù si può tirare il fiato, ma i numeri premiano la fase difensiva e non quella offensiva

Quattro gol realizzati, peggio ha fatto solo il Forlì con tre, ma solo cinque subiti, miglior difesa assieme a Venezia, Reggiana e Padova che, però, ha disputato una partita in meno. Sono questi i curiosi numeri dell’inizio stagione del Modena, un inizio difficile se si pensa che con la vittoria in extremis di sabato i canarini si ritrovano a quota 9 punti in classifica dopo 8 gare disputate. Se il rendimento difensivo è da top di categoria, guardando anche gli altri gironi di meglio ha fatto solamente la Viterbese con un gol subito, Alessandria e Foggia con quattro, a preoccupare rimane la sterilità offensiva di una squadra che fatica a creare nitide palle da gol. Serve tanto lavoro sul campo per assimilare al meglio i meccanismi di un sistema di gioco, quindi da questo punto di vista ci si aspetta ancora una crescita da parte della squadra, ma serve anche tranquillità e coraggio per ribattere colpo su colpo agli avversari, requisiti che arrivano solamente grazie alla sicurezza che possono dare i risultati. Quindi quello che scenderà in campo a Lumezzane sabato dovrà essere un Modena rinfrancato e magari con qualche freccia in più al proprio arco che potrebbe essere Simone Basso, ma anche due giocatori come Baijner e Laner che cresceranno di condizione dopo un’altra settimana di lavoro. Viceversa c’è da registrare lo stop di Marino, la cui entità si spera non sia troppo importante, e la squalifica di Zucchini, espulso sabato dalla panchina. Per il ruolo di difensore centrale, quindi, rimangono solo Cossentino e Aldrovandi, ipotizzando che Accardi sia confermato sulla corsia destra vista l’ulteriore prova diligente messa in campo con il Sudtirol.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui