Il giovane vincitore è alla prima stagione da professionista. Si tratta del terzo successo di un italiano al Giro

Quando ha tagliato in solitaria il traguardo di Sestola, il 22enne abruzzese Giulio Ciccone non è riuscito a trattenere una lacrima, a coronamento di un grande sogno sportivo. E’ lui il vincitore per distacco dell’attesissima tappa da 219 km iniziata questa mattina da Campi Bisenzio. Una vittoria piena di emozioni sia per la giovanissima età del campione della italiana Bardiani Csf, sia per le modalità con cui è stata conseguita: con una fuga d’altri tempi e un distacco di più di 40 secondi sul secondo, il russo Ivan Rovny. Festa grande in piazza Passerini anche per la nuova maglia rosa, il lussemburghese Bob Jungels, che è riuscito a strapparla al compagno di squadra Gianluca Brambilla. Una tappa dunque importante anche dal lato prettamente sportivo, con importanti novità agonistiche, ma che è stata prima di tutto un eccezionale spettacolo di colore e affetto per una manifestazione senza eguali che ha trovato l’Appennino sicuramente all’altezza della ribalta nazionale e internazionale, con decorazioni a pioggia e anche lo spettacolo degli alianti che hanno tracciato splendide fumate rosa nel cielo sopra Sestola.

Intervista a Giulio Ciccone, Vincitore 10^ tappa

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui