Secondo i pre-consuntivi Acimac, per la prima volta nella storia i ricavi hanno superato i 2 miliardi di euro

Il 2015 verrà ricordato come un anno da record, per le aziende produttrici di macchine per l’industria ceramica. Per la prima volta nella storia, i ricavi messi a segno dall’intero comparto hanno superato la soglia psicologica dei 2 miliardi di euro. A dirlo sono i pre-consuntivi diffusi oggi dall’Acimac, l’associazione confindustriale che riunisce le imprese del settore. Il fatturato cumulato è stimato in crescita dell’11,7% rispetto al 2014. E se i tre quarti di queste entrate derivano dall’export, il dato più significativo è peraltro rappresentato dall’impennata del mercato italiano: dopo la svolta positiva registrata lo scorso anno, negli ultimi dodici mesi il trend crescente è andato consolidandosi: per il 2015 ci si aspetta un +8,5%. Un risultato favorito – spiegano da Acimac – dalle agevolazioni fiscali sull’acquisto di beni strumentali da parte delle aziende”. Sul fronte estero, intanto, malgrado le difficoltà su alcuni mercati chiave come Russia, Brasile e Cina, le vendite continuano ad aumentare: per quest’anno ci si dovrebbe assestare sul +12%. Difficile, infine, fare previsioni per il 2016: dopo un biennio di crescita a questi ritmi, tuttavia, potrebbe esserci un rimbalzo tecnico, con un leggero calo del giro d’affari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui