Il tecnico che domenica torna a debuttare sulla panchina biancorossa nel derby, l’anno scorso ha fatto il pieno nelle quattro sfide con Bologna e Modena

Un derby, si dice, mette in palio punti che valgono il doppio. Vista la classifica deficitaria del suo Carpi, Fabrizio Castori ci farebbe la firma subito. D’altronde lui è uno che da quando guida i biancorossi i derby non li ha mai sbagliati. Basta riavvolgere il nastro all’ultima magica stagione in B, quando fra Modena e Bologna il suo Carpi è rimasto imbattuto, conquistando 10 punti su 12 in 4 gare, con un bottino di 6 reti segnate e una sola subita. Il filotto vincente era cominciato col punto conquistato a Bologna, uno 0-0 blindato dalle parate di Gabriel, che quel pomeriggio al Dall’Ara iniziò il suo grande campionato. Ci aveva pensato poi Mbakogu a castigare a dicembre il Modena al Cabassi, quando la squadra di Castori aveva già messo il turbo. Al ritorno era stato un derby, quello casalingo col Bologna, a mettere il sigillo sulla promozione del Carpi: furono Pasciuti, Di Gaudio e Lollo a firmare quel 3-0 che valse il +12 sui rossoblù. Il poker di derby il Carpi lo aveva poi chiuso sbancando Modena a serie A già conquistata, grazie ai gol di Mbakogu e Romagnoli, accorciati nel finale da Fedato. Quella del 3 maggio scorso resta anche l’ultima vittoria in trasferta dei biancorossi e l’ultima rete segnata da Mbakogu con la maglia del Carpi.

L’attaccante nigeriano non ci sarà però a Reggio domenica, così come Borriello. Castori, per confermarsi mister derby, sta pensando di tornare al 4-4-2 alzando Letizia sulla linea dei centrocampisti. I dubbi maggiori sono in attacco, dove Lasagna e Matos sono in vantaggio per occupare i due posti. Ma occhio alla sorpresa Lollo, nel ruolo di finto trequartista della passata stagione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui