Oggi gli insegnanti si sono radunati davanti alla prefettura

Non si ferma la rivolta del mondo della scuola contro il disegno di riforma varato dal Governo che interessa presidi, docenti e personale tecnico-amministrativo. Dopo il maxi-sciopero del 5 maggio scorso, oggi a Modena Cgil, Cisl e Uil hanno radunato oltre un centinaio di insegnanti davanti alla prefettura. Monica Barbolini, segretario provinciale della Cisl Scuola, sintetizza così i punti più contestati della riforma.
Intanto, prosegue l’esame della riforma alla Camera. Ieri è stata approvata la norma sul cosiddetto super-preside, mentre oggi è passato l’articolo che pone il limite di 36 mesi per il rinnovo dei contratti a termine. Una novità molto discussa, dopo la sentenza della Corte di Giustizia europea che aveva condannato l’Italia, sancendo che dopo tre anni il precario deve essere assunto stabilmente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui