Verso sera è il titolo sotto il quale si racchiudono gli appuntamenti estivi realizzati negli spazi del Villaggio Artigiano di Modena Ovest dal 3 giugno all’8 luglio. Le giornate di lunedì 1 e martedì 2 luglio sono dedicate ai bambini, con workshop, incontri e spettacoli sotto il titolo di FOCUS INFANZIA

Lunedì 1 luglio la giornata inizia alle ore 18.00 presso OvestLab con il Laboratorio di esplorazione urbana curato da Collettivo Amigdala: i bambini [età 6-10] saranno guidati in un’avventurosa esplorazione del Villaggio Artigiano di Modena Ovest alla scoperta di storie da riconoscere e raccontare, di personaggi da inventare e angoli di strada da guardare con occhi nuovi [costo 5€ a bambino, 3€ per fratelli e sorelle – info e prenotazioni: 059.8777673 / info@perifericofestival.it]. Si prosegue alle ore 19.30 con l’incontro Vita da pompiere durante il quale due membri del corpo dei Vigili del Fuoco di Modena, un uomo e una donna, racconteranno ai bambini il loro mestiere; il mito del pompiere attraversa da sempre l’immaginario dell’infanzia e rappresenta per bambini e bambine un simbolo di eroismo quotidiano: coloro che abitualmente metteno in salvo persone, animali e abitazioni saranno oggi disponibili a raccontarsi e a rispondere alle domande di grandi e piccoli. Alle ore 21.30 va in scena al Campo di atletica leggera de La Fratellanza lo spettacolo F. del collettivo Katriém di Cesena. Lo spazio sportivo viene aperto per la prima volta al pubblico in occasione di una perfromance partecipata di danza: il circolo sportivo ha accettato di buon grado di accogliere nella sua struttura uno spettacolo che riflette sul tema della competizione proponendo una visione dell’educazione sportiva volta alla maturazione e non al puro agonismo da record. F., diretto da Valentina Pagliarani e da lei interpretato insieme alla giovane danzatrice Sissj Bassani, è infatti una performance di danza per bambini [dai 7 anni in su] che va alla scoperta della Felicità. Che cosa sia e dove si trovi, in quale mondo possa essere coltivata e vissuta, saranno i bambini a dircelo attraverso una dinamica di spettacolo partecipata, che chiede a loro in prima persona di trovare il modo per raggiungere questo pianeta che sembra così lontano. Il pubblico si trasforma in un vero e proprio gruppo di cosmonauti, mossi dal desiderio di raggiungere l’agognata Felicità attraverso le forme del gioco [ingresso gratuito, partenza da OvestLab]. Martedì 2 luglio è protagonista la compagnia teatrale Fanny & Alexander con due appuntamenti attorno all’immaginario di F. L. Baum, autore de Il mago di OZ e di altri tredici romanzi che vedono la piccola Dorothy alle prese con avventure fantastiche e personaggi bizzarri che le fanno compagnia, come Testadizucca, la gallina Billina, la Tigre Famelica, l’automa Tic-Toc e tanti altri. Chiara Lagani, attrice e drammaturga della storica compagnia ravennate, per i Millenni di Einaudi ha tradotto e antologizzato i quattordici romanzi nella raccolta I libri di OZ; in collaborazione con lei, Mara Cerri ha realizzato una serie di disegni a colori e in bianco e nero che accompagnano le storie di Dorothy e dei suoi soci. Alle ore 18.00 presso il Circolo Piazza, Chiara Lagani condurrà un laboratorio di narrazione sul mondo di OZ a partire dalle immagini di Mara Cerri: i personaggi che i bambini incontreranno sono già stati protagonisti di tante avventure. Dove potrebbero dirigersi ora? Chi altro incontreranno? [età: 7+; costo 5€ a bambino, 3€ per fratelli e sorelle – info e prenotazioni: 059.8777673 / info@perifericofestival.it] Alle ore 19.30 al Circolo Piazza, all’incontro Vita da pasticcere sarà possibile vedere due pasticceri all’opera: oltre a raccontare ai bambini e ai genitori quali siano i segreti del cioccolato e la vera ricetta della zuppa inglese, prepareranno davanti al pubblico alcuni dolci da condividere al termine dell’incontro. In un’atmosfera da cinema estivo, nel cortile di OvestLab alle ore 21.30 I libri di OZ diventano un recital per adulti e bambini [età 7+], con la proiezione di immagini tratte dal libro ad accompagnare l’attrice in scena. Il recital porta lo spettatore a percorrere idealmente, attraverso la voce di Chiara Lagani e in circa un’ora di spettacolo, lo spirito del ciclo dei libri di Oz, passando da un romanzo all’altro come se fossero i capitoli di un’unica grande storia che è stata oggetto delle più svariate interpretazioni [ingresso gratuito]. I libri di Oz sono di fatto una piccola enciclopedia di temi celebri. Il valore di questi romanzi sta infatti proprio nel non rinchiudersi in nessuno schema; la libertà narrativa di Baum, la sua continua invenzione fantastica, gli esilaranti giochi linguistici, l’ambivalenza emotiva, fra comicità, paura e malinconia, attivano da sempre una misteriosa complicità con i lettori di ogni età che appartiene ai piaceri dell’intelligenza e alla sostanza della vera letteratura. Al termine dello spettacolo, Chiara Lagani incontra il pubblico con Serena Terranova di collettivo Amigdala, per presentare il volume Einaudi in collaborazione con il Punto Einaudi di Modena.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui