Dovrà pagare anche la bonifica del terreno agricolo

Dovrà con tutta probabilità pagare anche la bonifica del terreno agricolo il proprietario della corriera andata completamente distrutta nella notte tra lunedì e martedì da un incendio nella frazione di Sant’Antonio di Pavullo. Il mezzo infatti era ai lati della strada e tra fuoco e operazioni di spegnimento si sono sparse nel podere adiacente sostanze chimiche che dovranno essere rimosse al più presto con idoneo procedimento tecnico. E sarà tutto a spese del 35enne di Fanano titolare della Zosi Bus, che si trova così di fronte alla terza beffa per questo episodio-choc. Le altre cose difficili da mandare giù sono la perdita completa del mezzo appena revisionato senza copertura assicurativa (perché essendo in conto-vendita la polizza era stata sospesa) e una distruzione arrivata a pochi giorni dal passaggio di proprietà che avrebbe sancito la vendita a un compratore estero dopo due mesi di tentativi andati a vuoto. Insomma, una circostanza veramente da incubo nella sua dinamica e nelle ripercussioni, con l’unica consolazione del valore limitato di una corriera con quasi vent’anni ormai, ma che poteva comunque ancora fruttare diverse migliaia di euro. La speranza dell’imprenditore è che i carabinieri possano risalire ad elementi utili dai filmati della videosorveglianza: sia per questo incendio che per quello nel box della ditta Vis Hydraulics lì vicino, la pista più seguita è quella di una gang di ragazzi che alcuni testimoni riferiscono di aver notato nella notte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui