I Pm di Modena non avevano ravvisato ipotesi di reato

L’aeronautica Militare ha aperto un’inchiesta per l’incidente aereo che ieri mattina sulle colline attorno a Pavullo ha avuto quali conseguenze il ferimento dei due occupanti l’ultraleggero caduto, Fabio Venturelli di 57 anni che era alla guida, e del 32enne Stefano Guardigli, capitano dell’Aeronautica presso il Centro sperimentale Volo. Proprio perché Guardigli è a tutti gli effetti un militare, l’aeronautica questa mattina ha comunicato al pubblico ministero Enrico Stefani di prendersi a carico dell’accaduto, aprendo d’ufficio un’inchiesta dalla sede di Roma. A quanto è dato sapere, la Procura di Modena non avrebbe ravvisato alcun tipo di reato poiché il velivolo, essendo andato in stallo sopra l’abitato di Pavullo, è stato pilotato con diligenza da Venturelli, ricoverato all’ospedale di Baggiovara per un forte trama toracico, che è riuscito ad evitare le case ed è stato portato ad atterrare sopra un campo di grano evitando conseguenze peggiori. Nemmeno Guardigli, ricoverato al Sant’Orsola di Bologna per un trauma cranico, è in pericolo di vita ed è stato trasportato all’ospedale dall’elisoccorso di Pavullo, che stanzia proprio all’aeroporto pavullese. La dinamica per i magistrati modenesi è dunque chiara: dopo il decollo i due hanno dato vita all’esercitazione: un atterraggio di emergenza, a motore spento. Dovevano manovrare ed atterrare come un aliante ma l’aereo è andato in stallo d’ala per una virata di rientro troppo stretta, a destra, verso nord e la pista, toccando terra all’altezza di un fosso e spaccandosi in tre tronconi. L’ultraleggero non ha scatola nera e l’inchiesta dell’Aeronautica si dovrà basare su ricostruzioni oggettive: quel che resta del piccolo velivolo ora si trova in un hangar dell’aeroporto di Pavullo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui