L’omicidio sarebbe avvenuto nell’ambito di un regolamento di conti legato allo spaccio di droga

Consumato l’omicidio erano subito scappati in Germania, ma dopo due mesi di latitanza i carabinieri li hanno stanati. Due 26enni albanesi, residenti l’uno a Modena l’altro a Sassuolo, sono stati arrestati, in Bassa Sassonia, con l’accusa di aver ucciso, il 2 febbraio scorso, Marco Montruccoli, 34enne di Albinea, in provincia di Reggio Emilia. Si tratta di Fatmir Hykaj e Daniel Tufa, entrambi, pare, legati ad una organizzazione dedita al traffico di droga. E forse fu proprio per un regolamento di conti connesso con lo spaccio di sostanze stupefacenti che, la sera dell’omicidio, i due raggiunsero la casa di Montruccoli, a Puianello. In breve la situazione degenerò e gli albanesi si armarono di due coltelli da cucina trovati in casa per dare vita alla mattanza. Hykaj è ritenuto il materiale esecutore dell’uccisione di Marco Montruccoli, mentre Tufa è accusato di tentato omicidio per aver colpito con due fendenti il fratello Montruccoli, Matteo. Sentiamo il racconto degli inquirenti nel video di Reggionline.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui