Nel trimestre luglio settembre è cresciuta del 1,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2014

Segnali positivi per l’industria manifatturiera modenese. Nel trimestre luglio settembre è cresciuta del 1,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2014 mentre il fatturato ha registrato un incremento del +2,2%. Per quanto riguarda gli ordini: positivi quelli dell’export mentre il mercato interno registra una evidente contrazione attestato il dato al -3,9%. L’occupazione, nel periodo considerato, è apparsa stabile con un più 0,8%. E’ quanto emerge dall’indagine congiunturale della Camera di Commercio, realizzata in collaborazione con Cna e Confindustria provinciali, su un campione di imprese modenesi del settore manifatturiero. I dati positivi arrivano dal comparto della maglieria, che si sta risollevando dai pesanti cali del primo trimestre, dal biomedicale, dal settore ceramico e dalle macchine e apparecchi meccanici. I settori in sofferenza invece sono quello dell’industria alimentare che ha subito una leggera flessione della produzione così come il fatturato che è diminuito del -0,6%. Trimestre difficile anche per il comparto delle confezioni di abbigliamento e quello dei prodotti in metallo e lavorazioni meccaniche. Dunque si intravedono i primi timidi segnali di una ripresa attesa da tempo, anche se la situazione settoriale appare piuttosto diversificata, così come è diversa la situazione delle imprese che si rivolgono a un mercato prevalentemente interno che è ancora stagnante, da quella di coloro che hanno rapporti commerciali sui mercati internazionali dove la domanda appare ancora vivace.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui