All’interno le interviste a:

Filippo Molinari (ex Sindaco Medolla)

Sandra Peruzzi (coordinatore gruppo Protezione Civile comunale)

Un minuto di silenzio e poi un applauso, quasi liberatorio, perché certe tragedie rimangono impresse e non si possono dimenticare: questa mattina alle ore 9, davanti alla sede del Comune di Medolla in Via Rimembranze 19, si è svolto un momento di raccoglimento, alla presenza del sindaco e delle autorità. Tutti rigorosamente distanziati l’uno dall’altro, nel pieno rispetto delle norme anti contagio da Coronavirus, per ricordare, a distanza di otto anni, quel terremoto che provocò una frattura irreparabile nella vita di tutti i cittadini. Un momento che quest’anno ricorre nel mezzo di un’altra emergenza, altrettanto grave ma da cui la cittadinanza vuole rialzarsi, esattamente come fece nel 2012.

Oltre alla Polizia Locale e ai Carabinieri erano presenti anche gli uomini della Protezione Civile, che otto anni fa furono impegnati in prima linea nel fronteggiare una tragedia, esattamente come fatto in questi mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui