Nel video le interviste a:

  • Marzia Luppi, direttrice Fondazione Fossoli
  • Alberto Bellelli, sindaco di Carpi  

“Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e i visi amici: considerate se questo è un uomo, che lavora nel fango, che non conosce pace, che lotta per mezzo pane, che muore per un sì o per un no.” Recita così uno dei passaggi più celebri di Primo Levi, a cui la città di Carpi ha dedicato tre giorni di ricordo, in occasione del centenario dalla sua nascita, culminati con la lettura integrale di “Se questo è un uomo”, tra le più alte testimonianze dell’orrore dello sterminio nazista. 40 i lettori, tra attori e rappresentanti delle istituzioni, che si sono alternati davanti ad un pubblico di cittadini interessati, all’interno di un luogo simbolo quale il museo del deportato

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui