Sabato 23 Giugno 2018 | 21:46

CON ANZANI E’ UN’AZIMUT DA TRICOLORE

I colpi Zaytsev, Christenson e Anzani pongono Modena Volley tra le pretendenti al prossimo tricolore. A Velasco ora il compito di assemblare il sestetto gialloblù e di non far rimpiangere gli addii di Bruno e N’Gapeth


Tagliare in maniera netta col passato e scrivere una nuova pagina di storia, come se le burrasche del finale di stagione fossero solo un brutto sogno. Catia Pedrini ha le idee chiarissime e le ha sempre avute sin dal giorno in cui ha deciso di accompagnare alla porta uno come Radostin Stoytchev e ammettere il fallimento di un progetto tecnico da lei promosso. Da quel 18 aprile è partita la scrittura di una nuova pagina della storia gialloblù con un progetto completamente ribaltato. L’Azimut che sarà sta gettando basi solidissime per la prossima stagione, gli arrivi di Ivan Zaytsev, Micah Christenson e Simone Anzani hanno per il momento riposto in un cassetto i bellissimi ricordi lasciati da Bruno Mossa de Rezende e Earvin N’Gapeth. Le porte scorrevoli del Pala Panini hanno portato la personalità e il carisma dello Zar, la classe dello statunitense e la potenza del centrale italiano, tutte caratteristiche che l’Azimut a corrente alternata degli ultimi tempi, impegnata più a risolvere le magagne di uno spogliatoio in quotidiano conflitto con l’allenatore, non aveva. E in questo momento, in attesa di novità sul mercato, il nuovo timoniere gialloblu Julio Velasco ha anche piacevoli problemi di abbondanza, soprattutto nel roster dei centrali dove Mazzone, Holt e lo stesso Anzani garantiscono nuove e varie soluzioni in fase offensiva.  Al tecnico argentino ora il compito di assemblare il prossimo sestetto gialloblu, chiamato a lottare su più fronti e tornare al più presto alla vittoria. E rivangare il passato ora non conta più, Bruno è il nuovo regista di Civitanova e Earvin ha firmato ufficialmente da qualche ora con lo Zenit Kazan, anche se c’è già chi, inverosimilmente, spera in un suo ritorno anticipato a Modena. Ma ripartire significa cominciare da capo e la nuova Azimut è nelle mani di Zaytsev, Christenson e Anzani.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche