Mercoledì 07 Dicembre 2016 | 13:24

CARPI, LASAGNA: ENNESIMA PRODEZZA DALLA PANCHINA

I biancorossi si godono la quarta rete stagionale dell'attaccante, tutte segnate entrando dalla panchina: nessuno è decisivo come lui in serie A


Segna ogni 286' giocati, praticamente un gol ogni 3 partite, un trend che lo dovrebbe aver già mandato in doppia cifra. Solamente che Kevin Lasagna di reti ne ha realizzate appena 4, tutte dopo essere entrato dalla panchina. Un vero e proprio record per la serie A quello dell'attaccante del Carpi, l'arma più devastante che Castori utilizza a gara in corso per cambiare l'andamento delle partite. Come è successo a Verona, quando con una punizione capolavoro ha firmato il gol che permette ai biancorossi di andare alla sosta pasquale virtualmente salvi. Ormai KL15, come lo chiamano i tifosi biancorossi, si è specializzato nell'entra-e-segna che nel Milan di Sacchi rese famoso Daniele Massaro. Nella rosa di Castori è il secondo giocatore con più presenze, ben 28 sulle 30 gare giocate, una in meno del solo Letizia che ne ha giocate 29. Solo due volte non è entrato in campo, a Palermo e in casa con la Fiorentina, poi nelle successive 26 giornate non ha mai saltato un appuntamento. Solo 7 volte però è stato schierato da titolare e per questo il suo minutaggio è fra i più bassi, appena 1142' giocati, più o meno 13 gare intere. Una gestione che si sta rivelando azzeccata, visto che i suoi 4 gol, tutti nel girone di ritorno, sono arrivati sempre quando è salito nella ripresa. Ha aperto le danze a Milano con l'Inter, acciuffando al 93' i nerazzurri. Poi ha infilato la Fiorentina e la Roma, senza poter evitare le due sconfitte biancorosse. Ma la prima gioia da tre punti, quella di Verona, potrebbe essere la più pesante nella stagione del Carpi. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche